Friday, February 18, 2005

Noi

Uomini e donne sotto lo stesso cielo e un dio comune ...troppo complicato, troppe cose. Prendi tutte queste cose, ok sono un po' sparpagliate ma provaci, uomini, donne, cielo, dio e il resto. Ok? Fatto? Bene. Adesso pensa che questi enti si facciano del bene, del male, del così così, del niente. Ok? Ok. Adesso pensa che questi enti, volenti o nolenti, tornino ad essere un'unità. Quest'unità si sarà dunque autoinflitta, secondo i casi, del bene, del male, del niente, dell'altro. Uomini, donne, sassi, cielo, dio, l'idraulico, ughetto e gli altri. Ogni volta che l'idraulico pesta la coda a ughetto o dio consente lo tsunami l'unità soffre. Ogni volta che un disgraziato muore di fame e di solitudine l'unità soffre. La sofferenza di uno degli enti è comunque una sofferenza che l'unità si autoinfligge. Nessuno da implorare, nè da maledire. Solo un immarcescibile ed incommensurabilmente stupido Noi.

4 comments:

lapoderosa72 said...

In questo NOI ci ritroviamo tutti Pipi....e tu mi commuovi ed emozioni sempre!!

Evdea said...

Non mi riesce in questi giorni di sentirmi parte di qualsiasi noi... ne' maiuscolo ne' minuscolo...

tatù said...

voglio il nome dell'idraulico!!!

controcanto said...

che la sofferenza sia un bug???