Tuesday, December 13, 2005

Thou shalt not kill

Dopo venticinque anni di agonia processuale Stan Tookie Williams è stato giustiziato mediante iniezione letale a mezzanotte e 35 di oggi (le 9.35 in Italia). L'esecuzione è avvenuta nella camera della morte del penitenziario di San Quintino. All'assurdo omicidio rituale hanno assistito trentanove persone, tra cui alcuni parenti delle quattro vittime attribuite a Williams. In cinque paginette il governatore della California ha giustificato la mancata concessione della grazia. Occorre leggerle ed annotare le superficiali considerazioni contenute nel documento. Non è importante, nel caso, la descrizione dei quattro delitti, che nessuno esita a definire efferati, o le prove raccolte a carico di Williams e rammentate dal governatore ed ex attore Arnold Schwarzenegger. L'uomo era forse colpevole, non è questo il punto. Occorre invece soffermarsi sui motivi del diniego. Il governatore ha confezionato il suo compitino in poche righe di banale e frettolosa retorica e il risultato è la morte, inutile, di un uomo. ("Passo le ore a fare dio, qualcuno muore ma non sono io").

Monday, November 28, 2005

Effetti collaterali nostrani

Non esistono effetti collaterali, eventualmente accettabili, della guerra. Anzi, come per i farmaci, non esistono, in assoluto, effetti collaterali. Ma, siano essi perseguiti o meno, solo effetti. Effetti certi ed effetti solo possibili, probabili, incidentali. E’ intuitivo che effetti innegabili, della guerra siano i morti, la distruzione, la sofferenza, la disperazione. Incidentali ed incerti sono invece tutti gli altri possibili effetti/obiettivi, presentati di volta in volta come apparentemente ragionevoli, quali la lotta contro il terrorismo, qualsiasi cosa con questo termine si voglia indicare (e io propendo a considerarlo, nel caso iraqeno, il “micidiale ed indiscriminato strumento di resistenza dei perdenti”), l’ansia o presunzione di sicurezza e ogni sorta di azione preventiva; discutibili, quali il mantenimento o il raggiungimento di un preteso e precario equilibrio planetario; presuntuosi o acritici, come la difesa dei “valori dell’occidente” o del vantato benessere, civiltà e progresso che li accompagnerebbero; abbietti o criminali, quali il forzato mantenimento del controllo militare e sociale di un popolo e di un territorio o lo sfruttamento, per mezzo dello strapotere delle armi, delle risorse, anche sotto il profilo strategico, di una determinata regione. Tutto questo per dire che gli ultimi vantati 203 arresti di pretesi "terroristi" - di cui 197 vengono rilasciati perchè si trattava d'altro - sono un effetto "collaterale" nostrano e male indirizzato di un'idea sbagliata, quella per cui si personifica il terrorismo e lo si vede e lo si vuol vedere ovunque. Effetto mal convogliato per giunta in un goffo e strumentale tentativo di trarne un effimero vantaggio politico interno. La recentissima assoluzione di tre islamici accusati di associazione finalizzata al terrorismo internazionale, pur con la contestuale condanna di due di essi per il reato, di gravità ben minore, di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, pone rimedio a questo genere di effetti "collaterali". Eviterei comunque oggi - come è stato fatto su basi ideologiche e politiche - di criticare una sentenza e un gruppo di magistrati (nel caso la Corte d'Assise d'Appello di Milano e a monte il Gup) senza i presupposti di fatto e di diritto necessari per non correre il rischio di parlare di neve senza averla mai vista e con la sola descrizione fornitane da chi ha deciso di odiare i climi freddi e gli sport invernali.

Sunday, November 27, 2005

Senza regole (segue: una guerra lurida)

Fallujah è stata solo la punta di un iceberg. Crediamo forse che altrove non sia accaduto lo stesso? Che MK77 e fosforo e chissà che altro siano stati usati solo a Fallujah? Non avrebbe senso. E non ne ha. "Mustafa, un meccanico, era sempre il più informato: fin dalla mia prima visita mi aveva raccontato di quando, subito dopo la battaglia dell'aeroporto, una delle più cruente per l'occupazione di Baghdad, erano andati a cercare i corpi dei loro parenti e avevano trovato cadaveri carbonizzati e irriconoscibili. E fin da subito si era posta la domanda: quali armi erano state usate? Napalm? Fosforo?" [Sgrena, Fuoco amico]. E c'è anche chi giustifica quanto accaduto a Fallujah, dicendo che la popolazione era stata invitata a lasciare la città prima della indegna ed indiscriminata carneficina che abbiamo potuto vedere, caso unico visto il criminale obnubilamento dell'informazione in Iraq. Vendetta, è stata anche vendetta per i contractors trucidati nella città, per i marines feriti, perchè quelli lì, tutti, sono terroristi. E così il terrorismo viene personalizzato e diventa una comodà ed astratta entità, utile per far passar per buona ogni sorta di schifosa aggressione, in questa guerra lurida e chissà ancora dove. Il tutto secondo la regola che non prevede l'esistenza di regole in guerra, nemmeno se la guerra è scatenata per il petrolio. "1 maggio [2003] - Quarantatrè giorni dopo l'ordine di attacco, Bush proclama dal ponte della portaerei Lincoln, di ritorno dal Golfo Persico, la fine ufficiale delle ostilità. Strano, qui tutto pare meno che pace. Al mattino la notizia di sette marines feriti a granate a Falluja, il luogo degli scontri più violenti fra popolazione e militari americani. E' il posto dove i fanti hanno ucciso in due giorni venticinque manifestanti: sparando sulla folla che protestava per l'invasione della moschea e lo scarso rispetto per le donne" [Scaccia, La Torre di Babele]. 8 novembre 2004 "Un giorno, le truppe americane - racconta Majid - con un megafono invitano tutta la popolazione del quartiere (quella rimasta tappata in casa) a dirigersi verso un punto di raccolta, dove avrebbero trovato personale della Mezzaluna rossa (la Croce rossa locale) che distribuiva aiuti. Ma solo chi non era rinchiuso a Falluja sapeva che era stato impedito alla Mezzaluna di portare soccorsi. Così in due file separate - da una parte i maschi adulti e dall'altra donne e bambini - la gente si era diretta verso il "miraggio" superando i cadaveri abbandonati per strada e i cani che si accanivano su di loro. Ad aspettare i maschi e'erano però, invece degli aiuti, le manette. Erano considerati tutti combattenti, quindi interrogati con le cattive maniere e poi rinchiusi in un campo" [Sgrena, Fuoco Amico]. "Ecco, noi vi avevamo avvisati, ora daremo fuoco ai terroristi". E lo hanno fatto.

Thursday, November 17, 2005

Senza regole

Siamo finalmente giunti alla conclusione - lo abbiamo visto o percepito in tutti i modi - e abbiamo raggiunto la consapevolezza che nonostante le convenzioni internazionali e la blanda supervisione dell'ONU in guerra non esistano regole e conseguentemente, in modo più o meno evidente, che le poche che si asserisce esistano, almeno sulla carta, vengano trascurate sulla pelle del nemico e delle popolazioni civili. Nessuno dubita che un cavillo di diritto internazionale o la semplice non adesione a un protocollo consenta all'esercito di un paese di utilizzare l'arma tale o tal altra, ma questo nulla ha a che fare con il sentimento che in modo tendenzialmente globale dovrebbe animare chi, di queste regole, ha voluto farsi promotore. Per essere chiari, tra le maglie delle convenzioni internazionali possono filtrare, con tutta probabilità, centinaia di vecchi e nuovi sistemi di offesa che, quand'anche non riconosciuti illegali, verrebbero oggi a qualsiasi latitudine ripudiati come inumani e (in una futura ed auspicabile regolamentazione imperativa per tutti i paesi) fonte di responsabilità per chi le usa. E ciò a prescindere dall'efficacia di queste armi e dal contributo alla rapida e risolutiva cessazione di un conflitto, della quale nessuno dubita. Se infatti non si dovesse da questo prescindere è lecito immaginare, per esempio, che un ordigno nucleare sia tuttora rapido e particolarmente efficace per la "composizione" di una vertenza internazionale, laddove peraltro c'è ancora chi sottintende - e non fra le righe o negli oscuri conciliaboli dei fondamentalisti - l'attualità di questa chance ... Sotto questo aspetto occorre aggiungere che l'arma del terrorismo, pressochè inesauribile e a costi ridicoli, appare anch'essa di rara e micidiale efficacia. Soprattutto pensando che un morto dei paesi autodefinitisi progrediti, tra i quali il nostro, pesa nel nostro immaginario assai più di 1000 morti di un generico e variabile altrove. Allora bisogna accettare il fatto che non ci siano regole, come in pratica succede adesso, ovvero combattere perchè ci siano e siano cogenti, sempre e per tutti, consapevoli del fatto che la regola del potente o del vincitore contingente non varrà a fermare, nemmeno con la propaganda, la reazione con gli strumenti più poveramente subdoli o micidiali degli oppressi o presunti tali.

Tuesday, November 08, 2005

Fallujah. La strage nascosta.


Quasi sottovoce la TV satellitare italiana RaiNews24 diffonde da domattina un filmato sull'uso indiscriminato e criminale di armi chimiche in Iraq da parte dell'esercito USA, in particolare sull'uso di armi al fosforo utilizzate per radere al suolo Fallujah. In Italia la TV tace la diffusione del filmato e in serata i maggiori programmi di approfondimento iniettano in quelle che si vorrebbe fossero le ormai obnubilate sinapsi dello spettatore medio il solito sdolcinato e vergognoso anestetico. Ma la notizia rimbalza da ieri in modo esponenziale sulla rete e domani sarà sulle prime pagine di alcuni quotidiani. Il video messo in onda da domattina ad un'ora impossibile e sul satellite anche nei prossimi giorni è tuttavia già disponibile in rete (link).
«A news program on Italian satellite TV, RAI News 24, has substantiated the claim that the US military has been exploiting the dual use of white phosporus. In its siege of Fallujah, the chemical was used on the civilian populace. The story is in today's Repubblica. The Bush Adminstration and the DoD are about to be shamed before the eyes of the world. Shocking revelation RAI News 24. Use of chemical weapons by the US military in Iraq. Veteran admits: Bodies melted away before us. White phosphorous used on the civilian populace: This is how the US "took" Fallujah ...Fallujah. La strage nascosta [Fallujah, The Concealed Massacre] will be shown on RAI News tomorrow November 8th at 07:35 (via HOT BIRDTM satellite, Sky Channel 506 and RAI-3), and rebroadcast by HOT BIRDTM satellite and Sky Channel 506 at 17:00 [5 pm] and over the next two days» (link).

Il video a questo link

Commenti su blogfriends e iraqwar.

Articoli su diario, La Repubblica e L'Unità.

Aggiornamenti

9 novembre 2005 - Come previsto il Pentagono ha sprecato poco tempo prezioso per negare di avere usato armi chimiche contro civili a Fallujah, come mostrato nel documentario prodotto da RAI News in Italia. "L'esercito USA in Iraq ha contestato il rapporto mostrato alla televisione di stato italiana martedì, che sostiene che le forze USA abbiano usato fosforo bianco contro i civili nell'attacco del novembre 2004 alla città iraqena di Falluja. Il documentario ha mostrato immagini di corpi ritrovati dopo l'attacco del novembre 2004 da parte delle truppe USA nella città di Falluja che dice dimostrano l'uso di fosforo bianco contro uomini, donne e bambini bruciati fino alle ossa. "Io so che il fosforo bianco è stato usato" ha detto nel documentario RAI Jeff Englehart, che si qualifica già appartenente alla prima divisione di fanteria degli USA in Iraq. "Corpi bruciati. Bambini e donne bruciati" ha detto Jeff Englehart, che la RAI ha affermato aver preso parte all'attacco a Falluja. "Il fosforo bianco uccide indiscriminatamente". Il corpo dei marines USA a Baghdad ha descritto il fosforo bianco quale "munizione convenzionale" usato principalmente per schermi fumogeni e per segnalare il bersaglio". Ha negato di averlo usato contro i civili. "L'idea che le forze USA abbiano bersagliato i civili con queste armi sono semplicemente sbagliate" ha detto il Maggiore dei Marines Tim Keefe in una e-mail a Reuters. "Se chi ha fatto il documentario si fosse preoccupato di chiederci un commento, gli avremmo certamente detto che le premesse del programma erano sbagliate". [uruknet.info]

L'esercito USA avrebbe però confermato - secondo pittsburghlive.com - di aver sganciato bombe incendiarie a base di MK77 - che il documentario della RAI ha assimilato al napalm - contro obiettivi militari in Iraq nel marzo e nell'aprile 2003.

Appello di Articolo 21
La Rai trasmetta in prima serata l'inchiesta di Rainews24 su Falluja
"Sia consentito agli italiani di vedere in tv l'inchiesta esclusiva realizzata da Rainews24". E' il commento di Giuseppe Giulietti che ha chiesto in Commissione Vigilanza la messa in onda in prima serata sulla Rai del fimato di Rainews24. Basterebbe che la Rai desse a questa inchiesta l'1% dello spazio che in questi giorni ha dedicato alle vicende personali dei vip nostrani. Per questa ragione a partire dal pomeriggio di oggi Articolo21 raccoglierà le firme che invierà al presidente della Rai Claudio Petruccioli e al dg Alfredo Meocci. (Firma l'appello su articolo21)

Wednesday, November 02, 2005

Iran, il testo del discorso del presidente Mahmoud Ahmadinejad

Nazila Fathi, dell'ufficio del New York Times di Tehran ha tradotto per il suo giornale il discorso del 26 ottobre 2005 del presidente iraniano Ahmadinejad. Il testo del discorso era stato messo online in persiano dalla Iranian Students News Agency (www.isnagency.com). Le osservazioni tra parentesi quadra sono state aggiunte da N. Fathi. Visto che tutti hanno riportato personali e parziali interpretazioni delle parole di Ahmadinejad, riporto a mia volta di seguito il passo maggiormente incriminato del suo discorso, come sopra tradotto in inglese e pubblicato dal New York Times e, di seguito, la mia traduzione "spannometrica" in italiano. Il testo dell'intero discorso non è assolutamente tenero, ma in questo momento è altrettanto fuori luogo e per qualche verso assolutamente inspiegabile la sortita del presidente iraniano, quanto è inopportuna l'interpretazione radicale data alle sue parole dalla maggior parte della stampa occidentale.
"...Who could believe that one day we could witness the collapse of the Eastern Empire? But we have seen its fall during our lives and it collapsed in such a way that we have to refer to libraries because no trace of it is left. Imam [Khomeini] said Saddam must go and he said he would grow weaker than anyone could imagine. Now you see the man who spoke with such arrogance ten years ago that one would have thought he was immortal, is being tried in his own country in handcuffs and shackles by those who he believed supported him and with whose backing he committed his crimes. Our dear Imam said that the occupying regime must be wiped off the map and this was a very wise statement. We cannot compromise over the issue of Palestine. Is it possible to create a new front in the heart of an old front. This would be a defeat and whoever accepts the legitimacy of this regime [Israel] has in fact, signed the defeat of the Islamic world. Our dear Imam targeted the heart of the world oppressor in his struggle, meaning the occupying regime. I have no doubt that the new wave that has started in Palestine, and we witness it in the Islamic world too, will eliminate this disgraceful stain from the Islamic world. But we must be aware of tricks ...".
"...Chi avrebbe creduto che un giorno avremmo potuto assistere al collasso dell'Impero dell'Est (ndt URSS)? Ma abbiamo visto la sua caduta durante la nostra vita ed è caduto in modo tale che dobbiamo recarci in biblioteca perchè non ne troviamo traccia. L'Imam [Khomeini] disse che Saddam se ne sarebbe dovuto andare e che sarebbe diventato più debole di quanto chiunque avrebbe immaginato. Ora vedete l'uomo che parlava con tale arroganza dieci anni fa che ognuno avrebbe potuto pensare fosse immortale, viene processato nel suo stesso paese in manette e catene da quelli che credeva lo supportassero e con coloro sul cui appoggio aveva commesso i suoi crimini. Il nostro caro Imam disse che il regime occupante sarebbe stato spazzato dalla mappa e questa è stata una dichiarazione molto saggia. Non possiamo accettare compromessi sulla questione palestinese. E' possibile creare un nuovo fronte nel cuore di un vecchio fronte. Questa sarebbe una sconfitta e chiunque accetti la legittimità di questo regime [Israele] ha nei fatti sottoscritto la sconfitta del mondo islamico. Il nostro caro Imam ha colpito il cuore dell'oppressore mondiale in questa battaglia, intendendo il regime occupante. Non ho dubbi che la nuova corrente iniziata in Palestina - e la vediamo pure nel mondo islamico - eliminerà questa macchia disgraziata dal mondo islamico. Ma dobbiamo essere consapevoli dei trucchi ...".

Monday, October 17, 2005

Pillole neocon a € 2,90

Copertina nero spauracchio, con vistosa e benaugurante palla arancione in stile grandi magazzini ma destinata a simboleggiare "il punto" della situazione. E' in edicola in questi giorni un surrettizio volumetto di ispirazione neoconservatrice ad uso e consumo dei lettori di Panorama. Il testucolo, intitolato con palese sforzo congiunto di dozzine di copywriter "La rivoluzione democratica contro il terrorismo" presenta la coassiale redazione di pezzulli di osannanti propugnatori della logica Bushiana con frequenti divagazioni in stile Pera & Fallaci. Il tutto al prezzo vile di 2,90 euro, rivista esclusa. Ho dato una scorsa al librozzo, che reca anche alcune pagine di dati e statistiche snocciolati grazie alla partecipazione di un inarrestabile Magdi Allam sui nefasti islamici in funzione anticristiana, che, per coloro i quali fossero impossibilitati ad una rapida verifica, non possono fare effetto diverso dalle parole dell'Oriana, che sui fatti e su centinaia di anni di storia è stata disposta a sorvolare per gongolare all'idea di una sola frase ad effetto. Godiamoci invece altre chicche verificabili del libercolo. A firma Nirenstein, inter omnes nota per il suo pacato squilibrio a favore dello stato ebraico, troviamo subito una minimale versione dei fatti del 1948 tanto stravolta dalla visione unilaterale e filo-isrealiana che pure Benny Morris ha potuto farsene latore solo a costo di reinterpretare, annichilendoli, i fatti e le prove da lui stesso proposti. Ma il meglio sono gli ostinati capitomboli che Nirenstein fa per giustificare, con le parole oltre che col cuore, l'aggressione subita dai palestinesi in limine alla autoproclamazione dello stato ebraico in terra altrui. Una per tutte: "la terra occupata da Israele in guerre difensive e per la sopravvivenza a fronte di un bellicoso rifiuto arabo perdurante dal 1948, è stata più volte lasciata o offerta, ma la pace non è mai venuta". Grandiosa. Non stupisce poi la sua interpretazione della risoluzione 242 dell'ONU, non nuova a quanti (USA e Israele) hanno ottenuto di imporla al resto del mondo quale fosse una risibile ed inverosimile affermazione premiale, del tutto priva di senso, per cui i palestinesi avrebbero avuto diritto alla restituzione "di territori occupati" e non "dei territori occupati". E via di seguito con l'Europa cattiva e tendenzialmente o potenzialmente antisemita, la guerra contro il terrorismo personificato con un po' di Zarqawi qui e là come uvetta candita sul pan di spagna stantio delle difese dell'indifendibile. Ma il meglio arriva con Michael Rubin, Ph.D. in storia iraniana alla Yale University e collaboratore del Jerusalem Post. L'esordio è appassionante con un George W. Bush spalmato in terza riga a far da apripista per un discorso che tende a glorificare la "chiarezza morale dei neocon". E subito dopo il dogma sull'Iraq: "tutti concordano che l'oggetto del conflitto è la democrazia". Ma tutti chi? I lettori di Panorama? E via di seguito, anche qui con un po' di Zarqawi (bin Laden puzza troppo di cadavere ultimamente) in una entusiastica quanto apodittica descrizione della rinascita iraqena, negazione dello stato di guerra civile, anatemi sulla Siria e sull'Iran e irresponsabile atteggiamento dell'Europa (che si ostina a non prendere per oro colato la versione propugnata dai media alla provincia USA). Veramente degno di nota il pensiero del signor Rubin circa la asserita "propensione della sinistra europea per i dittatori". Più sottile e per addetti ai lavori il solito ritornello su Arafat, il falso accertato per cui fu lui e non il "criminale di pace" Barak a perseguire interessi di bottega e mandare a carte quarantotto il summit di Camp David. Altre chicche inframmezzano la delirante apologia dell'operato di Bush relativamente alla situazione delle terre occupate in funzione egemonica americana, situazione sovente descritta come idilliaca e talvolta addirittura esultante per il liberatore d'oltre oceano. Senonchè alla "serietà e coerenza" e alla "fede di Bush nella democrazia quale pilastro della politica estera" si oppone l'atteggiamento della vecchia Europa. Ma, tranquilli, secondo Rubin "l'era della realpolitik è tramontata, è cominciata l'era dei principi". Gli è che il primo principio dovrebbe essere quello di non mentire ai lettori del librino da € 2,90, affermando con disinvolta sicumera che "gli atti di terrorismo contro obiettivi occidentali sono antecedenti all'occupazione dell'Iraq". Mr. Rubin - verrebbe spontaneo replicare - è questione di numeri.

Wednesday, October 05, 2005

Il conflitto arabo israeliano palestinese for dummies (quinta ed ultima parte, 1992-2002)

Allora, siamo nel 1992 e il clima è più disteso del solito (si fa per dire). Il 30 ottobre precedente (1991) si è tenuta a Madrid la Conferenza di Pace per il Medioriente, patrocinata da Bush Senior e Gorbaciov, alla quale hanno partecipato gli stati arabi, rappresentati dai rispettivi ministri degli esteri, il primo ministro israeliano Shamir e una delegazione palestinese (l’OLP non ha partecipato) e il 16 dicembre l’assemblea generale dell’ONU ha revocato la risoluzione 339 del 1976 che aveva condannato il sionismo quale forma di razzismo e discriminazione (v. sopra). Gli USA, freschi della prima guerra in Iraq (la c.d. “guerra del golfo”) e consapevoli dell’importanza di nuove possibili alleanze nella zona, spingono per una soluzione generale del problema in medioriente.
A fine 92 l’Unione Sovietica si sta disintegrando. Sta venendo meno, per gli USA, il pericolo rappresentato dal blocco sovietico. La guerra fredda si è raffreddata. Gli USA pianificano il controllo totale. La Russia - che a casa sua ha problemi infiniti - sponsorizza la pace in medioriente. Un episodio di consueta sopraffazione nel dicembre 1992, Israele deporta più di 400 palestinesi in Libano. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU condanna pesantemente questa iniziativa e stabilisce il loro immediato ritorno.

Siamo ormai nel 1993. In agosto si svolgono a Oslo – con la mediazione dei norvegesi – colloqui segreti fra l'OLP e il laborista israeliano Shimon Perez in vista di un accordo sull’autonomia palestinese per Gaza e per la città di Jerico. Gli accordi tratteggiati ad Oslo sono in realtà assai vaghi.
In settembre c’è uno scambio di lettere tra Arafat (OLP) e il primo ministro israeliano Rabin:
- Arafat riconosce il diritto di Israele di esistere in pace e in sicurezza;
- Rabin riconosce che l’OLP rappresenta il popolo palestinese.
Con il patrocinio del Presidente USA Bill Clinton (che non è famoso solo per altre questioni personali di tutt’altra specie), il 13 settembre 1993 Arafat e Rabin firmano, a Washington, una Dichiarazione di Principi in vista di possibili accordi (tutti da determinare e sviluppare) per l’autonomia palestinese. Si stabilisce un periodo di autonomia palestinese di 5 anni per portare a termine i negoziati, sulla base della risoluzione ONU n. 242, che dovranno iniziare non oltre tre anni. (In particolare sul ritiro israeliano da alcune zone occupate del West Bank). Nasce la cosiddetta “Autorità Palestinese” con il compito di amministrare i territori assegnati al controllo palestinese.
Ma tutti i problemi più importanti e spinosi vengono rinviati ...... a babbo morto (cioè a futuri negoziati). In particolare, il problema dei rifugiati, di Gerusalemme Est, degli insediamenti, dell’acqua. Vabbè, meglio che niente .....

Infatti, nel 1994 e 1995, benchè schifezze di ogni tipo (attentati, violenze ecc.) rimangano comunque una costante, in specie nei territori occupati, a livello politico l’OLP e Israele concludono, in maggio, un accordo sull’amministrazione della Striscia di Gaza e sull’area di Jerico.
In luglio Arafat rientra in Palestina e stabilisce il suo quartier generale a Gaza. In agosto viene stipulato una accordo “preparatorio” per il trasferimento dell’amministrazione dei territori “lasciati” all’autonomia palestinese. Israele e Giordania firmano un trattato di pace.
Sulla base della Dichiarazioen di Principi del 1993 (Washington) viene firmato un accordo tra Israele e OLP per l’autonomia sul West Bank e Gaza.
Tutto procede alla meno peggio quando il primo ministro Yitzhak Rabin viene assassinato da uno studente dell’estrema destra israeliana, a Tel Aviv, il 4 novembre 1995.

Nel 1996 il Likud (di destra) vince le elezioni con Benjamin Netanyahu (sconfiggendo i laboristi di Shimon Peres) e la situazione rimane sostanzialmente congelata fino al 1999. Questo, come ho già detto, non significa che tra la destra e la sinistra israeliana ci sia questa gran diversità di vedute rispetto ad alcuni problemi importantissimi, per esempio quello degli insediamenti nei territori occupati, suddivisi ipocritamente in insediamenti “illegali” e “legali”, che sono stati tutti implementati tanto durante i governi di destra quanto durante quelli di sinistra.

Tra il 1997 e il 1999 la facciamo necessariamente breve. Da segnalare che nel 1997 l’autorità palestinese e il governo israeliano raggiungono un accordo (allucinante) secondo il quale i palestinesi ottengono il controllo dell’80% della città di Hebron e il rimanente 20% resta, iperprotetto dall’esercito israeliano, in mano a circa 400 – diconsi quattrocento - religiosi ebrei ultraortodossi.
Sempre nel 1997 (febbraio) un censimento della popolazione palestinese conta con larga approssimazione 2.900.000 palestinesi nei territori occupati. Di questi, 1.869.818 nel West Bank (compresa la parte israeliana occupata di Gerusalemme) e 1.020.813 nella striscia di Gaza .
Altri 210.000 – conteggiati approssimativamente fuori censimento – vivono a Gerusalemme Est.

Allora, per farla semplice (molto semplice), nel 1999 vanno nuovamente al potere i laboristi con Ehud Barak. Se ne è molto parlato, di Barak e delle sue “generose concessioni”, ma sono stati fiumi di parole messi nella bocca di chi ha interesse a sostenere una sorta di rifiuto palestinese a qualsiasi ipotesi di pace e, soprattutto, si tratta sempre di analisi assolutamente superficiali.
Se è infatti vero che con Barak l’Autorità Palestinese ottiene, tardivamente e con fatica, il teorico controllo (naturalmente, solo amministrativo e non militare) sul 40% del West Bank e sul 75% della Striscia di Gaza, è altrettanto vero che si tratta sempre di un territorio spezzettato e discontinuo, le zone di autonomia palestinese sono scollegate e circondate da territori sotto il perenne controllo militare israeliano (in favore dei coloni insediati in profondità in territori contigui a quelli “palestinesi” che fanno il bello e il cattivo tempo con l’appoggio incondizionato dell’esercito).
In sostanza, dunque, Barak non si impegna più di tanto nel piano elaborato a Washington ed anzi si dedica per quasi un anno, senza successo, ai negoziati per raggiungere un accordo con la Siria.

Siamo ormai al 2000 e i palestinesi scalpitano per il ritardo con cui si muovono le cose e per non avere ottenuto nemmeno sulla carta quanto era lecito sperare in base alle premesse e alle “promesse” di Washington. In questa situazione, già di per sè non brillante, finalmente Barak si rimette al tavolo delle trattative, ma solo per motivi personali: la sua maggioranza di governo si è sfaldata e teme, in vista delle elezioni previste per il febbraio 2001 di non avere l’appoggio della sinistra israeliana, dopo essersi fatto i fatti suoi per un anno. La mediazione, nel caso, è di Clinton (anche lui in fase di delegittimazione per le imminenti elezioni e forse per i casini che si è tirato con la Lewinski). Nel frattempo (maggio 2000) Israele si ritira dai territori occupati in Libano, anche su pressione degli Hezbollah libanesi, di cui abbiamo già parlato.
Sia quel che sia, nel luglio 2000 Clinton riesce a trascinare Barak e Arafat negli USA (a Camp David) per concretizzare in un vero e proprio trattato gli accordi di Oslo.
E’ a questo punto che Barak avanza la sua (famosa) “generosa offerta” (passata alla storia proprio in questo modo) che, da un lato, è obbiettivamente inaccettabile (estende e generalizza a tutta la Cisgiordania il piano di “spezzettamento” del territorio sotto controllo palestinese, con condizioni giugulatorie per quanto riguarda le risorse, i confini, gli insediamenti, l’acqua, rifiuta di ritirarsi da Gerusalemme Est, di occuparsi della questione dei rifugiati palestinesi, di occuparsi dello smantellamento degli insediamenti ebraici, ecc. ecc.), dall’altro mette in bocca alla propaganda dei mass media occidentali un fatto assolutamente falso: che sia stato Arafat a “mandare a monte” gli accordi di Camp David.
Infatti, nonostante tutto, è proprio Barak a procrastinare e sospendere più volte il corso delle trattative e infine ad avanzare una proposta che Arafat non avrebbe mai potuto accettare, nè fare accettare ai “suoi” a paragone con quanto invece ottenuto dal Libano, dall’Egitto e dalla Giordania (cioè la restituzione di tutti i territori occupati da Israele). In più su un territorio spezzettato e inframmezzato da grosse zone occupate dai coloni ebrei. Zone che eventualmente avrebbero potuto essere “scambiate” con minime zone in territorio israeliano (secondo una proporzione di 9 a 1).
Ma la opportuna riluttanza di Arafat, come detto, sarà propagandata a tal punto che Barak potrà dedicare gli ultimi mesi del suo disastroso intervento a ..... raccontare al mondo che non è possibile trovare un accordo con Arafat.
In definitiva gli incontri di Camp David risultano infine un fiasco, ma i negoziati tra dirigenti palestinesi ed israeliani non si interrompono.
E ciò benchè nel settembre 2000 – quasi per affermare la propria imminente ascesa al potere (che avverrà nel febbraio 2001) – il leader della destra (Likud), Ariel Sharon, già tristemente noto per esser stato “indirettamente” responsabile dei massacri di Sabra e Chatila, decide di provocare i palestinesi sfilando a piedi e con un esercito di guardie armate sulla cosiddetta spianata delle Moschee (presso la Moschea di Al Aqsa) a Gerusalemme Est.
E’ un vero e proprio oltraggio. Inizia la seconda intifada (c.d. intifada Al Aqsa).
Ma come abbiamo detto, i negoziati naufragati a Camp David proseguono a Taba (piccola stazione balneare in territorio egiziano) e prospettano, nel gennaio 2001 quanto di più simile ad un possibile accordo sia mai stato raggiunto tra israeliani e palestinesi. I negoziati di Taba infatti prevedono l’evacuazione totale della Striscia di Gaza, l’annessione ad Israele del 3-6% del West Bank, compensata con territori israeliani, lo smantellamento di tutte le colonie israeliane in territorio palestinese, Gerusalemme capitale di due stati, futuri negoziati sul problema dei profughi.
Troppo bello per essere vero.
E infatti con le elezioni del 6 febbraio 2001 diventa primo ministro israeliano Ariel Sharon, il cui unico obbiettivo sarà quello di annichilire ogni minimo risultato raggiunto in 10 anni di difficili negoziati. Sharon promette ad Israele la ...sicurezza e il 6 settembre del 2002 annuncia che gli accordi di Oslo ......non hanno più valore. Il che, ripercorrendo la storia e le iniziative della dirigenza israeliana, non stupisce.
Quanto alle promesse di sicurezza poco è stato raggiunto per l’elementare principio che con l’occupazione e con l’umiliazione di una popolazione soggiogata non c’è esercito, per quanto “capace”, che possa garantire alcunchè.
Gli episodi anche recenti dimostrano infatti (come ha detto uno storico israeliano) che “ solo una mente malata può sperare che l’occupazione dei territori porti alla fine della guerriglia e del terrore”.

Dopo l’11 settembre 2001, il panorama si arricchisce con la guerra in Afghanistan, il mito Bin Laden, il mito Saddam Hussein, la guerra in Iraq, il rigurgito islamico, il rinnovarsi della generale intolleranza per il “diverso” nel mondo occidentale. Questioni spesso non svincolate dal problema palestinese, che resta comunque spesso un ottimo pretesto o la giustificazione di quanto accade tra mondo islamico e mondo occidentale dalle radici “giudaico-cristiane”.
Il geniale presidente USA, Bush “Junior” fa stilare addirittura, a suo nome, un nuovo e non originalissimo piano di pace chiamato “Road Map” . E’ un generalissimo programma che stabilisce le fasi per raggiungere una soluzione pacifica quanto generica. Fasi che comunque sin dall’inizio non sono state seguite.
Questo “programma” è stato accolto ed enfatizzato dalle compiacenti e disinteressate dirigenze europee, dalla Russia e dall’ONU (che conta come il due di picche) ma brilla per vaghezza più degli accordi di Oslo. Qualcuno ha osservato, al riguardo, che prima di stendere una qualsiasi map ci deve essere almeno una road. Che non c’è.

Qui finisce, per ora, il mio breve sunto (sì, lo so, qualcuno non lo ha trovato per nulla breve), senza la pretesa di aver detto nulla di nuovo e con le comprensibili imprecisioni del caso.
Lo scenario muta sensibilmente con la morte di Arafat, il piano di disimpegno unilaterale dalla Striscia di Gaza, le prevedibili ed enormi difficoltà all’interno della Striscia, le mutate prospettive per il West Bank, l’impegno di Sharon a dare corso in ogni caso alla Road Map e le sue difficoltà a far fronte ai suoi stessi elettori in Israele.
Ma questa forse – ci speriamo tutti - è un’altra storia.

Tuesday, October 04, 2005

Il conflitto arabo israeliano palestinese for dummies (quarta parte, 1992)

Concludendo la “terza parte” con la vittoria, nel 1992, dei laboristi – storicamente di “sinistra” – alle elezioni in Israele, ho scritto che questi (i laboristi) non necessariamente erano favorevoli ad una soluzione del problema palestinese. Non ho scritto “ad una soluzione favorevole ai palestinesi” ma – qualsiasi essa possa essere – “ad una soluzione [in generale] del problema”. Esiste infatti una terza alternativa: appoggiare, più o meno consapevolmente, la “non soluzione del problema”. Come si fa? Basta sostituire la parola “pace” con la frase “piano di pace”.
E infatti, tutti i progetti di pace elaborati dal blocco Israele/USA, patrocinati e propagandati dalla sinistra israeliana, prevedono immancabilmente un percorso – di solito elaboratissimo – per arrivare (se e quando) alle condizioni che consentiranno a chi detta le regole, Israele e USA, di ....concedere qualcosa al popolo palestinese. Inutile aggiungere che un “piano di pace”, se interessatamente ostacolato, può andare avanti all’infinito senza arrivare alla “pace”.
Non è questo il senso, letterale, nè lo spirito delle risoluzioni ONU. E il principio di autodeterminazione dei popoli non prevede alcun percorso ad ostacoli per raggiungere (la pace e) l’indipendenza. Nel caso della Palestina, poi, si tratta anche di restituire terre che nessuna norma internazionale oggi assegna al paese vincitore e occupante. Allora la cosa sarebbe semplicissima.
“Si rendono ai palestinesi le terre occupate nel 1967, anzi, quelle stabilite dall’ONU nel 47 e ce ne andiamo tutti a casa, felici e contenti?”. No.

Lasciando perdere qui (per comodità) gli interessi USA e occidentali in medioriente, c’è infatti in Israele chi pensa che temporeggiando e tirando avanti alla meno peggio si finirà per concedere ai palestinesi sempre meno o nulla. E chi pensa che – costi quel che costi – non si debba concedere nulla e combattere fino alla conquista dell’intera “terra biblicamente assegnata da Dio agli ebrei”. A loro volta, da parte palestinese, c’è chi è convinto che lo squilibrio demografico, nettamente in favore dei palestinesi, finirà per risolvere con i numeri l’intera questione nel giro di dieci o vent’anni. Questi sono solo i problemi più evidenti.
Poi c’è il problema dei coloni negli insediamenti ebraici nei territori occupati (che a Gaza erano solo circa 7500, ma nel West Bank sono circa 200 mila), che si sono piazzati lì da quarant’anni (perchè il governo israeliano ce li ha spinti) e ....il problema dei profughi palestinesi che sono quaranta o cinquant’anni che sono a “spasso” (perchè .... il governo israeliano ce li ha spinti).
Ma come se questo non bastasse, i palestinesi non hanno effettivamente le risorse e le strutture (politiche, sociali, economiche, lavorative ecc.) per aspirare – senza aiuti esterni e in tempi ragionevoli – all’indipendenza o almeno a non morire di fame e di sommosse. Circa 125 mila palestinesi lavoravano in Israele (prima della seconda intifada, quella del 2000, di cui parleremo più avanti) e a casa loro non trovano di che campare.
In ogni caso l’occidente (compresa l’Europa), gli USA e Israele non sono disposti a rischiare una nuova possibile “polveriera” in medioriente e quella attuale è dunque una pura situazione di forza (chi è più forte fa quel che vuole), di interesse e di opportunismo.
Anche solo pensare ad una possibile soluzione di questi ed altri tantissimi problemi della zona significherebbe aspirare al Nobel (uno qualsiasi). Ma se l’occidente – e in ispecie uno o più paesi europei – cominciasse a trovare conveniente una diversa situazione economica, sociale e culturale in Palestina (investendo a piene mani), dopo un certo periodo transitorio di legge della giungla, potrebbero crearsi le condizioni per una “pace interessata”. Il che non sarebbe del tutto male.
Eravamo al 1992 e lì siamo rimasti. Andiamo avanti.

Sunday, October 02, 2005

Il conflitto arabo israeliano palestinese for dummies (terza parte 1971-1992)

Siamo nel 1971. Come abbiamo detto, la resistenza armata palestinese si è fatta cacciare dalle forze congiunte giordane e siriane verso nord (Libano). Nell’aprile del 1971 non ci sono più basi della guerriglia palestinese in Giordania, ma nel frattempo sono morte più di 4500 persone, di cui 4000 civili. Viene sviluppata una bozza di accordo di pace tra Giordania e Israele che prevede il rientro dell’occupazione israeliana ai confini precedenti il 1967. Israele non accetta e non se ne fa nulla.
In particolare Golda Meir (primo ministro israeliano) rifiuta di restituire il Sinai all’Egitto a richiesta del nuovo presidente egiziano, Anwar el-Sadat (Nasser è morto nel settembre 1970), che spingerà sempre per trovare una soluzione concordata del problema mediorientale.
Nel 1972 il re di Giordania (Hussein) propone la costituzione – sotto di sè – di un “Regno Arabo Unito” tra palestinesi della Cisgiordania (West Bank) e Giordania (East Bank). Proposta che viene naturalmente intesa dagli stati arabi come un modo per annettersi la Cisgiordania e provoca un deterioramento dei rapporti tra Giordania ed Egitto.
La “resistenza palestinese” è viva e attiva e sceglie di interessare platealmente il mondo al problema della Palestina. Sarà una scelta sanguinosa e forse “efficace” dal punto di vista della pressione su Israele, ma comporterà da un lato reazioni anche indiscriminate e dall’altro allontanerà il movimento palestinese da possibili simpatie internazionali. In pratica non porterà alcun vantaggio e procrastinerà di molti anni ogni intervento occidentale in favore della causa palestinese.
Andiamo avanti.
Durante i giochi olimpici del 1972, a Monaco, il gruppo armato palestinese “Settembre Nero” (che ha preso il nome dall’episodio di repressione avvenuto in Giordania due anni prima) sequestra gli atleti israeliani nel villaggio olimpico e ne uccide nove. Come volevasi dimostrare, inizia una rappresaglia durissima da parte israeliana, viene bombardato il Libano (dove nel frattempo si sono insediati i guerriglieri palestinesi) e fino al 1973 seguono una serie di assassini di dirigenti palestinesi in Europa (a Roma e Parigi) verosimilmente orchestrati dal Mossad, servizio segreto israeliano per l’estero, e in Libano (a Beirut).

Nel 1973 dopo l’ennesima richiesta egiziana di restituzione del Sinai (occupato nel 1967), Egitto, Siria e Giordania (con l’aiuto finanziario della Libia di Gheddafi, che dirige una sospensione delle forniture di petrolio per costringere gli USA ad esercitare pressioni su Israele), si accordano per attaccare Israele. Il 6 ottobre 1973 durante la festività ebraica del Kippur (digiuno annuale di espiazione), gli eserciti di Egitto, Siria e Giordania “attaccano” Israele.
E’ il quarto conflitto arabo-israeliano che verrà appunto ricordato come guerra del Kippur.
Ma cosa vuol dire “attaccano”? Che l’esercito egiziano, a sud, passa il canale di Suez e avanza nel Sinai (occupato nel 1967 dalle forze armate israeliane) e l’esercito siriano-giordano cerca di rioccupare le alture del Golan, a nord. Gli è che gli eserciti arabi non sono organizzati e militarmente preparati per affrontare, nonostante la sorpresa, l’esercito israeliano che gode immediatamente del massiccio aiuto militare americano, ed è in grado di reagire ed avanzare in territorio egiziano e in Siria, facendo a polpette gli eserciti arabi, invadere la Siria e arrivare a 30 km da Damasco.
Senonchè, nel frattempo i paesi arabi dell’OPEC (fornitori di petrolio a mezzo mondo) si accordano per ridurre la produzione, bloccare le forniture a USA e Olanda ed alzare il prezzo del petrolio a tutti i paesi filoisraeliani.
Il ricatto economico petrolifero funziona (mai toglierci la benzina a noi occidentali!), il Consiglio di Sicurezza dell’ONU (risoluzione 338) impone un immediato cessate il fuoco e dispone l’inizio di negoziati per una “pace giusta e durevole” in Medioriente.
Il 21 dicembre 1973 è convocata la Conferenza di Pace dell’ONU sul Medioriente e vi partecipano: Egitto, Giordania Israele, URSS e USA.
Intanto si è sviluppata una fazione “politica” più moderata all’interno dell’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina, presidente Arafat), che il 14 ottobre 1974 ottiene dall’Assemblea Generale dell’ONU, con la risoluzione 3210, di partecipare alle deliberazioni plenarie sulla questione palestinese. E’ la prima volta che una persona, in rappresentanza di un movimento di liberazione e non di uno Stato membro, può rivolgersi ed indirizzare le proprie proposte all’Assemblea dell’ONU.
Seguono una serie di risoluzioni che tendono a confermare lo “status” dell’OLP in sede ONU e il diritto del popolo palestinese alla autodeterminazione. (Di queste ultime ce ne saranno a pacchi).
Ma sono tutti d’accordo? Beati e pacifici? Col cavolo!
Il blocco Israele/USA – con la tacita approvazione dell’occidente – tenta (e tenterà sovente) di imporre ai palestinesi una “pace dei vincitori” concedendo, o meglio, restituendo molto lentamente molto meno di quello che era stato tolto. Contemporaneamente vengono incrementati gli insediamenti israeliani in territorio palestinese occupato, la Palestina subisce comunque le decisioni economiche di Israele e fra l’altro deve sottostare alle decisioni israeliane sulla gestione delle risorse d’acqua (che i palestinesi comunque non sanno e non possono gestire), che viene distribuita da Israele a proprio piacimento e a vantaggio dei coloni ebrei.
Nel frattempo – siamo tra il 1973 e il 1974 – il blocco della guerriglia palestinese si è insediato nei villaggi (musulmani sciiti) del sud del Libano, ai confini con Israele, dove ci sono moltissimi profughi palestinesi, ed intende assumere un certo controllo dei locali movimenti indipendentisti (musulmani) e, in prospettiva, far partire dal territorio libanese ogni possibile azione contro Israele.
Israele bombarderà a più riprese le postazioni libanesi dal 1973 in poi.
Le popolazioni locali si trovano tra due fuochi: esercito israeliano da una parte e guerriglieri palestinesi dall’altra. Inizia un’ondata di profughi dal sud del Libano verso Beirut.
Nel 1975 inizia la guerra civile in Libano e la guerriglia palestinese si aggrega al movimento patriottico libanese.e finirà, nel 1976, per combattere anche contro l’esercito siriano che appoggia il governo del Presidente libanese.

Nel luglio 1977 un gruppo di guerriglieri/terroristi del PFLP (Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina) dirotta un aereo dell’Air France partito da Israele e lo costringe ad atterrare a Entebbe, in Uganda, paese ostile ad Israele. Il governo israeliano manda in Uganda (con rotta sopra il mar rosso) due Boeing carichi di paracadutisti e quattro Hercules d’appoggio. L’azione sul territorio ugandese dura circa 90 minuti. Vengono uccisi i sette dirottatori, vengono distrutti a terra 11 MIG ugandesi e liberati i 109 ostaggi.
Nel 1978 Israele occupa la parte sud del Libano, dove controlla e si avvale delle milizie mercenarie della South Libanese Army che conducono ogni sorta di sporca azione militare per loro conto, contro i guerriglieri palestinesi, contro i civili e addirittura contro le forze multinazionali nel frattempo inutilmente inviate dall’ONU. Nel marzo 1978, una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU (n. 425) che impone ad Israele il ritiro immediato e incondizionato dal Libano, ma rimane lettera morta.
Sempre nel 1978 nel sud del Libano nasce il movimento islamico degli Hezbollah.

La situazione dei palestinesi sotto occupazione è intanto talmente grama che su pressione del “blocco arabo” il 10 novembre 1975 l’Assemblea Generale dell’ONU (attenzione: l’Assemblea non ha praticamente il potere di imporre nulla, è il Consiglio di Sicurezza che prende le effettive decisioni vincolanti in campo internazionale) adotta una risoluzione politicamente devastante per Israele - la n. 3379 - che determina che il Sionismo è una forma di razzismo (questa risoluzione verrà annullata dall’Assemblea alcuni anni dopo).
Tra settembre e novembre 1977 a Camp David (USA) venivano intanto stipulati accordi tra Sadat (Egitto) e il primo ministro israeliano Begin, con la mediazione del presidente americano Jimmy Carter. Accordi che pongono la base per il trattato di pace tra Egitto e Israele e del ritiro di Israele dal Sinai. La pace tra Egitto e Israele viene firmata a Washington il 26 marzo 1979. Il Sinai è restituito all’Egitto nel 1980.
Gli Arabi si sentiranno traditi perché Israele, accordandosi con l’Egitto, non dovrà più preoccuparsi di attacchi da sud ed è libero di attaccare il Libano a Nord. Anche per questo Sadat verrà assassinato da killer fondamentalisti nel 1981.

Nel 1982, con la scusa di dare la caccia ai “terroristi”, Israele invade nuovamente il Libano e le sue forze, avvalendosi delle milizie cristiane maronite libanesi, si dirigono a Beirut (dove si trova Arafat con i guerriglieri dell’OLP). Con una mediazione USA, Arafat e i suoi riescono a scappare da Beirut, ma lasciano campo libero ai miliziani cristiano-maroniti sotto il controllo di Israele, che se la prendono con i profughi (civili) palestinesi nei campi di Sabra e Chatila. E’ un massacro: vengono ammazzate – si dice – 1700 persone. Sharon, allora ministro della difesa e presente sul campo, subirà una specie di “processo” affidato ad una commissione israeliana, che attesterà una sua responsabilità indiretta e perlomeno lo costringerà a dimettersi. (Ancora oggi, confidando nell’applicazione di una Legge belga, che consentiva di processare chiunque per crimini di guerra commessi ovunque, i parenti di quei palestinesi hanno tentato di far processare Sharon. Morale, sotto pressioni USA, il Belgio ha reinterpretato la Legge in modo che non la si possa applicare al caso. Ma la questione è ancora in qualche misura aperta.)
Le reazioni internazionali ai massacri di Sabra e Chatila saranno unanimi, ma Israele, nonostante la disapprovazione internazionale e almeno una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delll’ONU, si ritirerà dal Libano solo nel 1985, mantenendo però dei contingenti militari nella fascia sud.

Sempre nel 1985 Arafat, fuggito dal Libano e isolato, stringe un accordo con re Hussein di Giordania, che verrà rotto nel 1986 a seguito di pressioni USA successive ad una serie di attentati terroristici da parte dei palestinesi, tra cui il sequestro della nave “Achille Lauro”. Attentati che vengono unanimemente considerati dannosissimi per la causa palestinese. Tanto che Israele potrà tranquillamente bombardare il quartier generale dell’OLP che si era nel frattempo stabilito a Tunisi.
Tra il 1985 e il 1987 l’OLP è screditata (Arafat pure), ma siccome nei territori occupati la repressione israeliana è durissima, vengono deportati e incarcerati centinaia di palestinesi, vengono costruiti nuovi insediamenti di coloni, le fazioni palestinesi raggiungono una nuova “unità”.

Il 9 dicembre 1987 scoppia la prima intifada (sollevazione).
Intanto Arafat (che riceve comunque – e si tiene – inesauribili fondi ed aiuti, per esempio dall’Arabia Saudita, ma comincia a capire che se non agisce politicamente non ottiene un tubo per il popolo palestinese che in questa situazione prima o poi lo farebbe saltare), rinuncia ufficialmente, nel 1988, al terrorismo e accetta la risoluzione ONU 242, riconoscendo implicitamente l’esistenza di Israele.
Gli è che tenere sotto controllo (soldi o non soldi, politica o non politica) le fazioni più accese di un popolo oppresso non è facile. Arafat deve dare un colpo al cerchio e un colpo alla botte e non può condannare apertamente le azioni (anche le più violente) dei suoi, che probabilmente in realtà non controlla neppure. Il problema è che Arafat non può ammettere ufficialmente di non avere alcun potere su buona parte della resistenza palestinese. E allo stesso tempo è vecchio, non ha nulla da perdere ed è un osso duro che gli israeliani vorrebbero mettere sotto terra, confidando in una linea più morbida (rassegnata) di chiunque altro.
Quindi la successione sembra essere questa:
- attentato terroristico;
- Israele da la colpa ad Arafat (perchè vuole annichilirlo politicamente);
- Arafat nega ma non può farlo con troppa decisione, sennò vuol dire che non controlla nulla e perde di credibilità tra i suoi.
Comunque così facendo fa anche una serie di errori di opportunità politica imperdonabili. Tace rispetto ad alcune azioni terroristiche ingiustificabili e, soprattutto, appoggia l’invasione irachena del Kuwait nel 1991. Risultato: l’Arabia Saudita gli taglia i fondi e Arafat con l’OLP si ritrova internazionalmente isolato, virtualmente a fianco di un dittatore (Saddam) il cui destino militare e politico è segnato. In altri termini, anche l’odio profondo per Israele e il godimento per qualche missile Scud lanciato su Israele da Saddam (con il popolo palestinese che inneggia, ma questo accadeva in molti paesi arabi senza che i loro governanti si lasciassero andare a dichiarazioni suicide) non dovevano consentirgli di perdere di vista la causa palestinese, un minimo di realismo e di opportunità.

Dopo la Guerra del Golfo, Bush senior (non George dabliù), in previsione dei sempre più importanti e lucrosi interessi nella zona, spinge per stabilizzare l’area mediorientale e sollecita Israele ad incontrare i paesi arabi e alcuni rappresentanti palestinesi (ma non l’OLP di Arafat).
Nel giugno 1992 il Partito Laborista israeliano di Yitzhak Rabin sconfigge il partito di destra (Likud), vince le elezioni e promette un accordo di autonomia ai palestinesi. Con questo non si deve assolutamente pensare che i laboristi israeliani siano stati allora o siano oggi tutti incondizionatamente favorevoli ad una soluzione del problema palestinese. Sicuramente ci ha lavorato e bene Rabin, per questioni di realismo (al di là di quello che uno sente o pensa, in un modo o nell’altro il problema deve esser risolto e nel modo più opportuno e duraturo possibile) e per questo viene assassinato.

Friday, September 30, 2005

Il conflitto arabo israeliano palestinese for dummies (seconda parte, 1948-1970)

Allora, dove eravamo rimasti? Ah, sì .... la guerra del 1948.
E’ un terreno minato.
La questione ebraica come la si è ereditata dopo secoli di antisemitismo culminati nella Shoah, impedisce per lo più ancora oggi un approccio obbiettivo al problema. Inoltre, le fonti scritte sull’intera questione palestinese sono sovrabbondanti da parte ebraica e molto carenti (e sempre parziali) da parte arabo-palestinese. Sicchè le fonti più attendibili sembrano essere proprio quelle israeliane, che faticosamente hanno recuperato obbiettività, e vengono considerate – in Israele – quasi blasfeme. Per quanto ho potuto appurare, soprattutto da fonti israeliane dell’estrema sinistra, le forze ebraiche e poi israeliane erano infinitamente superiori per numero, mezzi, organizzazione e capacità strategiche in prevenzione.
Senza scendere nei particolari:
- gli ebrei avrebbero potuto contare su ingentissimi aiuti economici dall’estero e su altrettanto importanti azioni di sabotaggio per bloccare fuori dalla Palestina gli aiuti (armi) ottenuti dagli arabi-palestinesi all’estero;
- gli eserciti arabi sarebbero stati scollegati, disorganizzati e non motivati. I loro capi corrotti e interessati. La popolazione palestinese terrorizzata e male armata.
Si dice che esistesse da anni un piano di invasione dell’intera Palestina da parte ebraica ed evacuazione dei nativi, confidando nel momento di assoluto squilibrio che sarebbe derivato dalla partenza degli inglesi. Sono questioni abbondantemente riferite sia da autori arabi e palestinesi sia da autori israeliani. E questi ultimi parlano di vera e propria “rimozione”, oggi, da parte degli israeliani, dei fatti umani – ingiustificabili – che hanno favorito la nascita dello Stato di Israele.
Se vogliamo fare una previsione, ci vorranno ancora ... diciamo dieci anni per ottenere dei resoconti ufficialmente imparziali di quel momento storico.
Torniamo a noi. Siamo sempre nel 1948. In poche settimane Israele (appena proclamato) occupa la maggior parte del territorio che avrebbe dovuto essere lo Stato di Palestina, oltre a Gerusalemme ovest (che avrebbe dovuto essere internazionalizzata).
Restano sotto controllo arabo-palestinese:
- la “Striscia di Gaza“ (sotto controllo egiziano)
- il “West Bank” (o Cisgiordania) (sotto controllo giordano)
- e Gerusalemme Est (sotto controllo giordano)

L’ONU manda per mediare e organizzare un accordo tra israeliani e arabi-palestinesi il conte Folke Bernadotte. E’ una Pessima idea. Il conte sviluppa alcune proposte rifiutate da ambo le parti e il 17 settembre 1948 viene assassinato dalla banda Stern (v. sopra) e qualcuno – più malizioso – dice con la connivenza delle dirigenze politiche e militari israeliane.
L’11 dicembre 1948 l’Assemblea Generale dell’ONU approva la risoluzione 194 sottolineando l’idea di un regime internazionale per Gerusalemme e per risolvere (almeno economicamente) il problema dei profughi palestinesi.
L’ 11 maggio Israele diventa membro dell’ONU con l’intesa che avrebbe favorito le risoluzioni 181 e 194. (Il che non accadrà)
1949 viene stipulato l’armistizio con gli stati arabi confinanti e stabilita una “linea dell’armistizio” da non valicarsi tra le parti. Tanto l’armistizio quanto la linea non verranno rispettati.
Le cose vanno avanti malamente ancora per qualche anno e precipitano nel 1956 quando il Presidente egiziano Gamal Abdel Nasser, acceso nazionalista, decide di ....nazionalizzare il canale di Suez (cioè prendere il controllo anche economico, importantissimo, del canale che consente il passaggio dall’oceano indiano => al mar rosso => al mar mediterraneo).

Ne nasce il secondo conflitto in Arabo – Israeliano. Sarebbe meglio metterci una mappa, ma lasciamo stare. Vabbè, quando l’Egitto dichiara di nazionalizzare il canale di Suez, ....che sta in Egitto, immediatamente Inghilterra, Francia e Israele si alleano e “muovono guerra” all’Egitto.
In pratica: Israele coglie l’occasione e invade il Sinai e la Striscia di Gaza. Punto. Interviene l’ONU e costringe Francia e Inghilterra a desistere. Israele è costretto a lasciare il Sinai .... ma mantiene il controllo sulla Striscia di Gaza.
Solo nel 1957 Israele si ritira infine dalla Striscia di Gaza e intervengono le Forze di Emergenza dell’ONU. Nel frattempo è proprio il presidente egiziano Nasser a patrocinare la formazione di una coscienza nazionale palestinese sempre stata assai scarsa: i palestinesi non hanno mai avuto l’impulso di appartenere a qualcosa di diverso da uno degli stati arabi lì intorno. Sotto questo profilo la nascita di una identità palestinese è allo stesso tempo merito di Nasser che la ha teorizzata e di Israele che ha cercato di annichilire la popolazione nativa di quella terra, stimolando una reazione nazionalistica anche da parte di chi, il popolo palestinese, una nazione vera e propria non ce l’aveva mai avuta.
Qui e per qualche anno non ci sono questioni di rilievo, nel senso che non ci sono guerre, ma i palestinesi prendono atto non solo di non avere ottenuto il loro stato indipendente, ma che gli israeliani si stanno tranquillamente accomodando in casa loro. Tutta.
E nel 1964 nasce l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP)
Passa qualche anno di schermaglie (nel 1965 l’ala militare del Fatah, movimento sotterraneo nazionalista palestinese nato nel 1959, inizia la lotta armata contro Israele, nel 1966 Israele attacca il villaggio di Al-Samuh facendo un sacco di morti ...... e prepara – si dice – la bomba atomica con l’aiuto dei francesi). Il 5 giugno 1967 a seguito di un ammassamento di truppe egiziane ai confini (e a tutta una serie di altre cose: incremento del nazionalismo arabo, desiderio di vendetta del presidente Nasser) Israele attacca simultaneamente l’Egitto, la Giordania e la Siria.

La guerra (il terzo conflitto arabo-israeliano) dura sei giorni (e così verrà ricordata ....con innegabile fantasia ..come la guerra dei sei giorni) ed è disastrosa per gli stati arabi, principalmente grazie all’aviazione israeliana.
Israele occupa tutta la Palestina (cioè, quella che gli mancava: Striscia di Gaza e West Bank) e Gerusalemme Est, e in più: la solita penisola del Sinai e le colline del Golan (che appartenevano alla Siria). Inutile dire che la guerra dei sei giorni crea un’altro po’ di profughi palestinesi (più di 300 mila persone scappano in Egitto, in Giordania e in Siria).
Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU adotta una risoluzione (la 237) richiamando il governo israeliano a facilitare il rientro dei profughi. Manco a dirlo, immediatamente dopo l’occupazione del West Bank e della Striscia di Gaza, Israele comincia a confiscare terra palestinese – con buona pace della Convenzione di Ginevra ecc. ecc. – e a stabilirvi i noti insediamenti di coloni israeliani nei territori occupati. (Che costituiscono oggi uno dei motivi e dei pretesti principali per mantenere in vita il conflitto e in particolare per la costruzione del famoso “muro” o barriera difensiva).
Il 22 novembre 1967 l’ONU adotta la risoluzione 242 che esige il ritiro delle forze armate israeliane dai “territori occupati” nel conflitto e afferma la necessità di realizzare una giusta soluzione del problema dei profughi e di garantire l'inviolabilità territoriale e l'indipendenza politica di “ogni Stato” della regione. La risoluzione afferma anche la necessità di raggiungere una giusta sistemazione del problema dei profughi.
La risoluzione 242 (accettata da USA e Israele solo a causa della sua ambigua formulazione) viene forzatamente interpretata (dagli Stati Uniti e da Israele) e ricondotta al senso che essa autorizzi la continuazione del controllo israeliano sui territori occupati. La questione viene riproposta al Consiglio di Sicurezza nel gennaio 1976 e le relativa risposte - ovvie - che prevedevano un accordo sulla “linea verde” e l’esistenza di uno stato palestinese, incontrano l’ovvio veto degli USA.
Negli anni successivi le fazioni armate palestinesi – che non hanno ottenuto un accidente dal punto di vista armato – cominciano ad organizzarsi politicamente e si aggregano all’OLP.
Nel 1969 Yasser Arafat (di Al Fatah) diventa Presidente e assume il controllo dell’OLP.
Gli scontri continuano: umiliazioni che causano azioni dei palestinesi che causano reazioni degli israeliani che causano altre azioni dei palestinesi .......e così via, che conducono a qualche iniziativa dell’ONU (ndr. risoluzioni al vento).
La resistenza palestinese, cioè migliaia di palestinesi armati dell’OLP, si è nel frattempo spostata in Giordania, dove evidentemente (ha un sacco di problemi e) crea un sacco di problemi. Nel settembre 1970 mentre da una parte si cerca di dare un senso alle risoluzioni dell’ONU e ci sono negoziati tra i rappresentanti dell’Egitto, Giordania e Israele, il PFLP (Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina) dirotta quattro aeroplani e li fa atterrare all’aeroporto di Al Mafrak in Giordania. Lo stesso mese il Governo giordano (re Hussein) ne ha le scatole piene e fa intervenire l’esercito che fa un massacro dei palestinesi (centinaia di morti: episodio che verrà ricordato come “Settembre Nero”). Continuano comunque le schermaglie tra le fazioni armate palestinesi e gli eserciti di Giordania e anche Siria, perchè i gruppi armati palestinesi dopo “Settembre Nero” si sono spostati a Nord (vedi mappa). La leadership della resistenza palestinese si sposta infine in Libano (con conseguenze che risulteranno disastrose).
Qui occorre precisare che i paesi arabi confinanti con Palestina e Israele sono stati intorno al problema palestinese per propri interessi (per esempio per annettere pezzi di Palestina) e infine hanno mollato il colpo stipulando accordi bilaterali con Israele. Sicchè una solidarietà con il popolo palestinese sopravvive in questi stati arabi, attualmente, quasi solo a livello di sentimento popolare.

Il conflitto arabo israeliano palestinese for dummies (prima parte, 1895-1948)

La storia del conflitto in Palestina ha origine nella notte dei tempi, probabilmente con le prime schermaglie fra tribù costituite da poche decine o centinaia di persone (poco più che grandi famiglie allargate), che svariate migliaia di anni fa hanno visto vincitrice la famiglia o il gruppo di famiglie, di volta in volta più forte o più evoluto.
Comunque evidentemente queste tribù hanno sempre trovato particolarmente interessante ottenere il predominio su questa striscia di terra – poco più grande della Sicilia – che si affaccia sul mare Mediterraneo nella parte estrema occidentale della cosiddetta mezzaluna fertile (in inglese: “fertile crescent”). Zona a forma di mezzaluna che parte più o meno dal Quwait, percorre verso nord la Mesopotamia, si allarga fino all’Iraq e poi ricomincia a scendere lungo l’attuale Palestina-Stato di Israele, costeggia il Sinai e arriva al delta del Nilo.
Non è questa la sede per parlare di come e perchè ha luogo una guerra tra famiglie, tribù, popoli contigui. Si può però immaginare che in origine, svariate migliaia di anni addietro, si sia trattato della conquista di piccole fonti di maggior benessere per i propri più vicini parenti e gruppi, quali le sorgenti di acqua potabile, l’approdo al mare, terra più fertile, ove fosse più agevole costruire delle dimore, una posizione morfologicamente vantaggiosa per anticipare le mosse del “nemico” ecc. ecc.
Ma è sicuramente inutile cercare di ripercorrere qui i fatti che si sono avvicendati, veri o presunti tali, nel corso dei millenni, i popoli che vi sono vissuti e i regni che vi sono sorti, vi hanno prosperato, lottato e vi hanno trovato fine.

La zona che ci interessa è sulla parte sopra il Sinai, più o meno, la parte che si affaccia sul mare a sud-sud-ovest di Cipro e confina a destra il Mar Morto e con il fiume Giordano. Dall’altra parte, a destra del Giordano, c’è un altro pezzo di terra di Palestina, che è diventata autonoma abbastanza presto, si chiama oggi Giordania e ....non partecipa più direttamente al conflitto – per qualche verso simile ad una guerra civile – ancora oggi in corso. Come già detto, comunque, l’odierna Palestina è poco più grande della Sicilia (o della Lombardia) ed è diventata nella sua gran parte, nel 1948 e con le occupazioni successive, il neo-nato Stato di Israele. Per secoli e secoli è stata una zona piuttosto povera e malmessa, eppure questa zona – popolata in alcuni suoi punti (Gerico) da centinaia di migliaia di anni – viene considerata da miliardi di persone il “centro” del mondo. In questa terra sono nate e si sono sviluppate verso il resto del mondo, nell’ordine, le tre religioni monoteiste: l’Ebraismo, il Cristianesimo e l’Islam. Questa terra, piccolissima, sembra essere oggi il punto di partenza, il simbolo o il pretesto dei conflitti tra mondo occidentale (giudaico-cristiano) e mondo islamico.
Siccome da un certo punto della storia bisogna partire, senza risalire alla notte dei secoli, lo scegliamo abbastanza vicino e cerchiamo di fare un grosso lavoro di sintesi, naturalmente a scapito della precisione.

Nel 1895 la popolazione totale della Palestina è di circa 500 mila persone di cui meno di 50 mila ebrei, in piccoli gruppi giunti o ritornati in Palestina per motivi principalmente religiosi.
Nel 1896 il giornalista Theodore Hertzl, nato a Budapest, fonda in Austria – come reazione all’antisemitismo che sta prendendo sempre più piede in Europa - il movimento sionista (in realtà la cosa è un po’ più complicata, ma lasciamo perdere) e scrive Der Judenstaat (Lo Stato Ebraico).
In questo libro teorizza la possibilità di costituire in Palestina (o in Argentina) una Nazione che accolga gli ebrei, che, secondo la tradizione, dalla Palestina assumono di essersi dispersi per tutto il mondo. La novità dello Stato ebraico è congiungere o ricongiungere e collocare in una stessa terra, un popolo che ha perso, nel corso dei millenni la propria identità etnica, mantenendo una fortissima tradizione comune, identità culturale e religiosa. Di qui l’impossibilità di assimilare l’antisemitismo ad una forma di razzismo, poichè con le “razze” il primo non c’entra comunque più nulla e chiamar antisemitsmo l’avversione agli ebrei è in realtà una pura questione terminologica.
Nel suo Stato Ebraico, tuttavia, Hertzl ipotizza – come abbiamo detto – che questa collocazione possa avvenire non solo in Palestina, ma anche in Argentina. Il termine sionista deriva invece da Sion, una piccola collina di Gerusalemme.

Nel frattempo l’impero ottomano (i turchi), che si estendeva anche in Mesopotamia (terra in mezzo ai due fiumi, Tigri ed Eufrate), nella mezzaluna fertile e ovviamente in Palestina, si sta sfaldando.
E viene diviso dopo la prima guerra mondiale tra le potenze vittoriose. O meglio, tra due delle nazioni che risulteranno vincitrici: l’Inghilterra e la Francia. Queste iniziano a spartirsi tutta la zona .....prima che sia effettivamente suddivisa. In particolare, la potentissima Inghilterra promette a destra e a manca larghe zone della Palestina, che non è o non è ancora “roba sua”:
- nel 1915-1916 agli arabi (a cui viene promesso uno stato indipendente mediante scambio di lettere tra Sir Henry Mac Mahon e l’emiro della Mecca);
- nel 1916 alle potenze europee vincitrici in generale, per mantenere sotto la loro sfera di influenza europea la zona sacra alle tre religioni monoteiste, affidata ad una ipotetica amministrazione internazionale (mediante gli accordi segreti Sikes – Picot, con i quali venivano anche attribuite alla Francia le attuali zone di Libano e Siria e all’Inghilterra le zone attuali di Giordania e Iraq);
- nel 1917 agli ebrei (movimento sionista) con la Dichiarazione di Balfour
Questo punto, la Dichiarazione di Balfour è importantissimo e necessiterebbe di essere approfondito ..... In estrema sintesi: è una lettera indirizzata dal ministro degli esteri inglese, Sir Arthur James Balfour a Lord Rothschild, importantissimo e ricchissimo esponente del sionismo europeo, nella quale (lettera) si dichiara che il governo di sua maestà (britannica) vede con favore lo stabilimento in Palestina di un “focolare nazionale” (national home) per il popolo ebraico, fermo restando che nulla possa pregiudicare i diritti civili e religiosi delle popolazioni non ebraiche in Palestina, nè ai diritti ed allo status politico degli ebrei negli altri Paesi.
Invece, nel 1920, in buona sostanza l’Inghilterra riesce a tenersi la Palestina (confidando in una sua importanza strategica che invece verrà meno nel corso del tempo, regalando all’Inghilterra una serie di complicazioni inenarrabili e al mondo l’odierno inesauribile conflitto).
Infatti le potenze alleate vittoriose nella prima guerra mondiale inaugurano, per mezzo della Società delle Nazioni (nata con funzioni in prospettiva poi riprese dall’ONU), il sistema dei “mandati” e affidano per farla breve la Palestina al “mandato” (cioè alla tutela, al controllo e quindi all’ipotetico sfruttamento, anche strategico) britannico, con l’impegno che verrà applicata la Dichiarazione di Balfour.
Gli inglesi si insediano quindi in Palestina per condurre questa terra povera, desolata, priva di strutture e di ricchezze, a quel minimo grado di “civiltà” politica e sociale che, secondo il metro occidentale europeo, potrà consentirle innanzitutto .....di essere utile all’Europa dei vincitori.
Invece lo sfacelo lasciato dall’impero ottomano e le complicazioni causate dall’immigrazione su larghissima scala di ebrei dall’Europa (in terra sostanzialmente islamica e abitata da arabi) in virtù della Dichiarazione di Balfour, fanno presto capire all’Inghilterra che tenersi la Palestina non è stato un buon affare.
Innanzitutto, la Palestina viene presto suddivisa in due zone, a est e ad ovest del Giordano. La parte est verrà resa autonoma e diventerà il regno di Transgiordania (poi Giordania). La parte ovest rimane sotto mandato britannico.
E’ una lotta continua tra palestinesi, nativi, che vogliono ottenere l’indipendenza dall’Inghilterra, ed ebrei, che vogliono ottenere quello che la famosa Dichiarazione di Balfour fa concretamente ed obiettivamente intravedere: la nascita dello stato ebraico. L’Inghilterra (che, sicura di guadagnarci si era comportata con una ambiguità internazionale difficilmente superabile) fa buon viso a cattivo gioco, da “un colpo al cerchio e un colpo alla botte” e cerca di galleggiare al meglio per ...... 28 anni.
Andiamo avanti:
- nei dieci anni successivi (siamo ormai al 1930) emigrano in Palestina circa 100 mila ebrei e le persecuzioni degli ebrei in Europa ad opera dei nazisti ne incrementa il flusso (legale o fuori controllo e quindi illegale) verso la Palestina;
- si formano – sia tra gli arabi-palestinesi, sia tra gli ebrei – gruppi politici e sociali, sindacati e gruppi militarizzati (p. es. l’Haganah, che diventerà poi l’esercito israeliano);
- entrambe le fazioni danno corso – attraverso i gruppi più oltranzisti – a manifestazioni terroristiche;
- si formano gruppi ebraici la cui unica funzione è quella di favorire l’immigrazione clandestina; (il Mossad – che attualmente è il servizio segreto “estero” israeliano - nasce così, quale ente per l’immigrazione parallela)
- nasce (nel 1929 a Zurigo) l’Agenzia Ebraica, formazione politica “propedeutica” al governo del futuro Stato Ebraico, con il compito di rappresentare il movimento indipendentista ebraico, che naturalmente gli arabi non riconoscono.
Nel 1937 viene istituita una Commissione Reale Britannica, la Commissione Peel, per investigare e
trovare una soluzione ai problemi. Il rapporto Peel (udite! udite!) raccomanda la ....spartizione della Palestina. Invece, nel 1939, dopo una serie di conferenze separate anglo-ebraiche ed anglo-arabe, viene stilata una “carta” (Mc Donald White Paper) – cosiddetto “libro bianco” che prevede la fine del mandato britannico per il 1949 e la formazione di uno stato arabo indipendente, dotato di un incomprensibile ed infattibile governo congiunto palestinese-ebraico, con limiti all’immigrazione ebraica (quella legale) per cinque anni e limiti alla vendita di terre arabo-palestinesi (che invece gli ebrei cominciano a comprare, con soldi provenienti da fondi ebraici occidentali, dai latifondisti arabi che non hanno nessun interesse, se non economico, per questa terra affidata al lavoro degli altri, e che vivono in Libano e altrove). Risultato: nel 1940 la popolazione ebraica in Palestina è di circa 450 mila persone su un totale di un milione e mezzo. Il 30%. Il conflitto tra diverse culture, economie, religioni, tradizioni, interessi, è alle stelle. E le azioni terroristiche, principalmente contro gli inglesi, ma naturalmente anche tra opposte fazioni arabe ed ebraiche, si sprecano.

Nel frattempo la seconda guerra mondiale e la sua fine farà conoscere - meglio: confermerà - al mondo gli orrori della Shoah (tragedia, distruzione) e tutto il fardello di sofferenza inflitto dalla Germania nazista al popolo ebraico.
L’Agenzia Ebraica cerca intanto di ottenere supporto dai movimenti sionisti negli Stati Uniti e ci riesce nel 1945 coinvolgendo uomini del Congresso ed ottenendo che il Presidente Harry Truman eserciti pressioni sul governo inglese per consentire un incremento dell’immigrazione ebraica. Il governo britannico resiste alle pressioni.
Il 22 luglio 1946 una accesa fazione terroristica sionista (Lehi o banda Stern, altri dicono Irgun, probabilmente entrambi) fa saltare in aria il King David Hotel a Gerusalemme, dove hanno sede gli uffici del governo britannico e parte del quartier generale: 86 morti.
Tra il settembre 1946 e il febbraio 1947 il governo britannico propone la suddivisione della Palestina in due autonome province sotto il proprio “Alto Commissariato”. Entrambe le parti (ebrei e arabi) respingono la proposta.
Nel 1947 l’Inghilterra, ormai decisa a svincolarsi di questa ingombrante ed infruttuosa colonia, decide di rimettere il mandato ricevuto dalla Società delle Nazioni e restituire il “problema Palestina” alle Nazioni Unite (ONU). Le azioni di sabotaggio e le azioni terroristiche continuano.
Viene istituita una apposita Speciale Commissione dell’ONU sulla Palestina (UNSCOP).
Viene adottata la Risoluzione ONU n. 181 (piano di ripartizione della Palestina in due stati, arabo ed ebraico, con amministrazione economica congiunta e amministrazione internazionale da parte dell’ONU per Gerusalemme).
L’Inghilterra fissa la data per la fine del suo mandato per il 15 maggio 1948. Il movimento sionista si muove per stabilire il controllo su maggior territorio. Il 9 aprile 1948 vengono massacrate principalmente ad opera della banda Stern 254 persone nel villaggio arabo di Deir Yassin, vicino a Gerusalemme.
Gli stati arabi, impreparati ad una qualsiasi azione comune, tanto meno in favore di un “popolo” palestinese (che ancora non ha una propria identità se non per il fatto di essere nato in una zona araba chiamata Palestina), dotati di incapaci dirigenze, prospettano il loro ambiguo ed interessato intervento militare a sostegno dei propri interessi sulla zona. E 750 mila palestinesi abbandonano intanto le proprie case in un esodo di massa (Nakba, tragedia) che è stato spiegato con il terrore indotto dalla violenza delle iniziative delle più accese fazioni ebraiche. Queste 750 mila persone, che hanno abbandonato – come detto - le proprie case, le proprie terre e i propri averi, costituiscono oggi il problema dei profughi, confinati da 56 anni in “campi profughi”, in territorio palestinese (striscia di Gaza o West Bank, occupati dagli israeliani nel 1967) ovvero ai margini, in tutti i sensi, di altri stati arabi.

Il 14 maggio 1948, un giorno prima dello spirare del mandato britannico viene proclamata la nascita dello Stato di Israele, asseritamente per favorire ed accelerare il piano di spartizione dell’ONU. Qui la questione diventa complicata: Secondo le fonti: a) per parte ebraica si sostiene che il piccolo stato appena nato, privo di mezzi e di strutture militari, venne letteralmente aggredito da una coalizione di armate arabe. b) per parte arabo-palestinese si sostiene che le fazioni ebraiche, foraggiate in armi e mezzi dal movimento sionista in occidente, si sono, per così dire, “portati avanti”, invadendo le maggiori città e villaggi palestinesi, terrorizzandoli o massacrandoli per recuperare territorio destinato allo stato arabo. Le cose non sono mai bianche o nere, ma difficilmente la verità sta in mezzo. Inizia quindi, il 15 maggio 1948 il primo conflitto arabo-israeliano in Palestina.

Thursday, September 29, 2005

Il conflitto arabo israeliano palestinese for dummies (preambolo)

Forse è meglio iniziare con ordine, dal libro usato per legittimare il ritorno in terra d’altri ma per volontà di Dio del popolo scelto da Dio. Questo periodo è affidato al racconto, alla leggenda, alla fantasia, alla fiaba ed alla convinzione che Dio abbia avuto necessità e voglia di scegliere dove e perchè tra miliardi di sistemi planetari un manipolo di creature tra miliardi e miliardi di creature sarebbe dovuto andare a spargere la sua irrisoria progenie. E come tale, come una fiaba, ce lo raccontiamo in breve.

In principio Dio fece il mondo, che era naturalmente perfetto perché era fatto da Dio, e siccome non poteva o non voleva occuparsene, fece anche l’uomo per governarlo e gestirlo, cioè in pratica per lavorarci. E così Dio prese l’uomo appena fatto e lo mise “nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse”. E in cambio l’uomo? Boh, avrebbe goduto della presenza di Dio ...
Vabbè, dopo un po’ l’uomo, che oltre al lavoro e al godimento si trovò tra capo e collo anche la donna - naturalmente fatta da Dio - si ribellò e cercò di diventare come Dio, mangiando su suggerimento della donna una mela fornita loro da un serpente . Ma si può essere più rincoglioniti?.
Piuttosto contrariato Dio cacciò l’uomo e naturalmente la donna dal paradiso terrestre, sterminò gli uomini con il diluvio salvando solo Noè con moglie, tre figli - Sem, Cam e Iafet - e un bel po’ di animali, poi scelse Abramo e i suoi discendenti, che sono ebrei, ma anche arabi, per ripristinare – contento lui - un rapporto con l’umanità. E chi era Abramo? Era il figlio di Terach, che era figlio di Nacor, che era figlio di Serug, che era figlio di Reu, che era figlio di Peleg, che era figlio di Eber, che era figlio di Selach, che era figlio di Arpacsad, che era figlio di Sem, che era figlio di Noè. Non si sa bene come né perché, Dio promise solo agli ebrei la “terra promessa”. E gli altri? Gli altri ciccia.

Sia quel che sia, sembra che intorno al diciottesimo secolo avanti Cristo, i patriarchi del popolo ebraico, cioè Abramo, suo figlio Isacco e suo nipote Giacobbe, detto Israele (Bibbia, Libro dei Re), si insediassero in terra …d'Israele, cioè in terra di Giacobbe - sai la fantasia - che allora si chiamava ancora terra di Canaan. E chi era Canaan? Un figlio di Cam. Cioè un nipote di Noè. Nonché fratello di Put, di Etiopia e di Egitto. (Quella dei figli di Put è un’altra storia). Al tempo tuttavia quella terra, la terra di Canaan, che andava “da Sidone in direzione di Gerar fino a Gaza, poi in direzione di Sòdoma, Gomorra, Adma e Zeboim, fino a Lesa”, non forniva evidentemente di che vivere senza darsi un gran daffare, soprattutto nelle zona desertiche del Negev e del Sinai, argutamente scelte da Abramo per stabilirvisi, e l’insediamento durò fino ai primi periodi di carestia.
Intorno al 1500 a.c., quindi, la tribù dei figli di Israele, cioè di Giacobbe, nonostante Dio avesse loro promesso la terra promessa, cioè la Palestina, che però non si chiamava ancora Palestina ma terra di Canaan, era alla fame ed emigrava in Egitto approfittando del disfacimento dell’impero egiziano. Erano una settantina di persone in tutto, compreso Abramo, che era ancora vivo e dodici figli di Giacobbe, cioè di Israele.
Senonchè l’invasione da parte di quelli che erano stati ex contribuenti dei faraoni, come ex abitanti delle ex città-stato che si trovavano nella ex terra di Canaan - che infatti, nel frattempo, alcuni chiamavano Canaan, altri Israele, altri Palestina e altri, semplicemente, “qui” - non veniva ben vista dagli egiziani e soprattutto dal Faraone, disfatto forse, ma non ancora del tutto rimbecillito.
Secondo un uso probabilmente consueto in quel tempo, essendo forestieri, o ultimi arrivati, o pochi, o troppi, o antipatici, o semplicemente ebrei, i figli di Israele e parenti di Giacobbe, cioè di Israele, venivano ridotti in schiavitù dagli egiziani. Dopo alcuni secoli (boh?) di schiavitù, grazie ai favori resi al Faraone da Sara, moglie di Abramo, e in virtù di una complicata attività e l’uso di armi poco convenzionali di comune intesa con Dio (che invece di prendersela con Abramo se la prendeva con il Faraone, colpiva lui e la sua casa “con grandi calamità” e mandava le piaghe agli egiziani che non c’entravano nulla), gli ebrei, che nel frattempo erano diventati tanti, anche perché non morivano mai, guidati da Mosè, fuggivano o forse venivano cacciati a pedate o comunque decidevano di andarsene dall’Egitto. Aiutati da Dio attraversavano il Mar Rosso e invece di ringraziare Iddio rimanevano per una quarantina d’anni nel deserto del Sinai ad adorare un vitello d’oro. Dio, che in passato non si era dimostrato proprio propenso ad essere pigliato per i fondelli, dimostrava nel caso una gran pazienza e non li inceneriva.
Intorno al tredicesimo secolo a.c. (1250 a.c.) gli ebrei lasciavano il deserto e si dirigevano alla volta della solita (ex) terra di Canaan, da dove erano venuti. Gli è che, nel frattempo, cioè da un paio di centinaia di anni (1190 a.c. circa), altra gente - tra cui i cosiddetti popoli del mare indoeuropei o Filistei provenienti, sembra, da Creta - alla faccia della carestia si era sistemata stabilmente in quella terra, tra la costa e il fiume Giordano e conviveva forse pacificamente con chi vi era nato o cresciuto o rimasto, tra i quali gli Apiru, altri ebrei di cui con inesauribile fantasia moltissimi si chiamavano Yakubu, cioè Giacobbe. In pratica con tutti quelli che non erano parenti stretti di Giacobbe, cioè di Israele (quello di prima). Terra che allora veniva chiamata più o meno Filistina o Palestina o qualcosa del genere.
Gli ebrei di ritorno, dodici tribù, stavolta guidati da Giosuè, si davano quindi da fare per fare polpette di Filistei o popoli del mare, indigeni ebrei e indigeni innominati, diventati infine tutti palestinesi, ed insediarsi a casa loro. Si dice in proposito che carichi d'oro e accompagnati da “greggi e armenti e asini, schiavi e schiave, asine e cammelli” ciuffati da Abramo al Faraone (forse con la complicità della moglie Sara, nell’occasione spacciata per sorella) conquistassero facilmente la Palestina… perché nonostante il tempo passato, quella era la terra che il Signore aveva promesso ad Abramo per la sua progenie, anche se cola' dimorava ormai stabilmente altra gente.

Qualche tempo dopo, intorno al 1020 a.c., gli ebrei erano diventati veramente troppi e si organizzavano in una monarchia. Saul fu il primo re d'Israele, a cui seguì Davide (1000-961) che portava a Gerusalemme la capitale del regno e Salomone (961-922) che faceva costruire il (primo) tempio a Gerusalemme. Con buona pace di Dio, Saul non ne riconosceva l’autorità né i comandamenti, Davide era – per farla breve – un peccatore, e Salomone, per non far torto a nessuno, si dedicava all’idolatria. Per Dio era veramente troppo. Decideva quindi di lasciarli per qualche tempo al loro destino.
Nel 922 il regno veniva diviso in regno di Giuda (2/12) a sud, abitato dai giudei e regno di Israele (10/12) a nord, abitato dagli altri. Ebrei e Giudei infatti una volta recuperata la “terra promessa”, non andavano troppo d’accordo. Di questa situazione approfittavano prima gli Assiri, che conquistavano il regno di Israele nell’ottavo secolo a.c. e poi i Babilonesi, che nel 586 conquistavano il regno di Giuda, distruggevano il (primo) tempio – quello costruito da Salomone - e mandavano i Giudei in esilio a Babilonia. E gli Ebrei? In esilio in Mesopotamia anche loro.
Dopo quarant’anni di esilio a Babilonia i Giudei tornavano in terra di Canaan, detta terra d’Israele da Israele, cioè da Giacobbe, terra di Giuda da Giuda e Filistina o Palestina dai Filistei, terra che nel frattempo era stata conquistata dai persiani, che probabilmente la chiamavano “pezzo di Persia vicino al mare”. Chissà come, i giudei ottenevano dai persiani il permesso di costruire il (secondo) tempio. Ma durava poco. Senza molto supporto da parte di Dio, che disperato avrebbe taciuto per circa 500 anni, i Giudei cadevano sotto il dominio dei Greci e poi dei Siriani con Alessandro Magno. Intorno al 164 a.c. i Giudei si ribellavano alla Siria e recuperavano un po’ di indipendenza brigando con i romani. I romani invece si facevano i fatti loro, conquistavano Gerusalemme nel 61 a.c., facevano una provincia di tutta la zona e senza star troppo a pensare alle promesse divine e alle proprie, la chiamavano come veniva chiamata dai suoi abitanti, cioè Palestina, e la affidavano a Re “locali” della linea di Erode. Intorno all’anno zero nasceva a Betlehem Gesù di Nazareth (sic), che si accorgeva quasi immediatamente del casino che aveva combinato suo padre e tentava di porvi rimedio. Aspettava una trentina d’anni, pensando al da farsi, e poi cercava - come si dice - di metterci una pezza.

Monday, September 26, 2005

Fadhel Abbas, attore di Baghdad

Enzo Baldoni arriva a Baghdad nella serata del 5 agosto 2004. Viene sequestrato quindici giorni dopo, nelle vicinanze di Latifiya, tra le 11 e le 12 del mattino del 20 agosto 2004. La notte tra il 26 e il 27 agosto 2004 al Jazeera trasmette il filmato - dicono in un primo momento - della sua uccisione, che si rivelerà, per quanto ne sappiamo, un lungo fermo immagine poi diffuso in rete nella prima decade di settembre. Mattinata del 27 settembre, è ormai sicuro che Enzo è stato assassinato. Baghdad, sede di "Un ponte per", Simona Torretta (vedi "Otto anni e 21 giorni" - Rizzoli) ricorda: «...quando la notizia è ormai definitivamente confermata, i nostri amici iracheni, timidamente, ci fanno le condoglianze. Viene a farci visita anche un artista di Baghdad che aveva conosciuto Enzo durante il suo soggiorno in città. Si presenta così: "Sono un poeta e un attore". Ci consegna una lettera: "L'ho scritta per la famiglia di Baldoni". Io e Simona la leggiamo ...».
«Cara signora, cari ragazzi, vi scrivo dall'Iraq: un paese dilaniato da una guerra che nessuno vuole, e che i malvagi alimentano nell'ombra. Vorrei che mi ascoltaste, anche in questo momento di grande dolore per la perdita del vostro caro Enzo. So quale tragedia è per voi, perchè io l'ho conosciuto. Era una persona straordinaria. Mi dispiace tanto e mi scuso davvero di quanto è accaduto: ne sono profondamente sconvolto, come ogni artista, ogni giornalista, e ogni persona onesta, anche qui in Iraq. Siamo molto tristi, non pensavamo che sarebbe successo. Non doveva succedere. Speriamo che l'autore del crimine sia punito: se non dalla legge, da Dio. Enzo era un uomo dai nobili ideali. Un giornalista onesto, leale, sincero e simpagico. Spesso lo incontravo alle conferenze stampa. A tutti faceva la stessa impressione: era un uomo meraviglioso, e in molte occasioni ci ha aiutato a scoprire la verità. Voglio davvero dirvi quanto mi dispiace che lui non ci sia più, e farvi avere le mie più sincere condoglianze: a voi e a tutto il popolo italiano. Ora sappiamo, anche grazie a Enzo Baldoni, quanto siete sensibili alla tragedia che l'Iraq sta vivendo, e per questo meritate tutto il nostro più profondo rispetto. A nome di tutti gli iracheni onesti, grazie di cuore da Fadhel Abbas, attore di Baghdad». Il 7 settembre Simona Torretta e Simona Pari vengono sequestrate a loro volta presso la sede di "Un ponte per" nel pieno centro presidiato di Baghdad ad opera di un commando formato da almeno una dozzina di professionisti in nero.

Sunday, September 25, 2005

Verità per Nicola Calipari

«Assassinio di Nicola Calipari - Siamo tutti parte lesa! Sappiamo bene e la storia ce lo insegna, che la memoria individuale entra spesso in conflitto con la gestione pubblica della memoria collettiva. La memoria, infatti, può risultare talvolta un ingombro perchè non adeguata ai propri fini e spesso si tenta di annullarla o di renderla inesatta e selettiva, nell'illusione di rimuoverla in quanto si temono i suoi contenuti sovversivi. Ricordare è doloroso, talvolta scomodo, ma è importante rispettare e custodire la memoria come valore, in quanto chiave di interpretazione dei processi umani. Il ricordo del sacrificio di Nicola Calipari pone questioni di responsabilità e insinua il dubbio che ciò che è avvenuto avrebbe potuto anche svolgersi diversamente. Non dimenticare è l'imperativo etico che ci si pone, perchè, quali cittadini italiani, siamo tutti parte lesa e abbiamo, quindi, il diritto di pretendere verità e giustizia per quella morte assurda. Chiediamo al Presidente della Repubblica, nella cui persona riponiamo la nostra fiducia, di rendersi interprete di questa istanza e garante, come dell'unità, anche della dignità di questa Nazione. Invitiamo la società civile, gli studenti, il mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport, i rappresentanti delle Istituzioni e della politica, i media, a non spegnere i riflettori sul caso Caliparie ad unirsi a noisottoscrivendo questo appello in ogni piazza, scuola, università o luogo di lavoro del nostro Paese. Elisabetta Baldi Caponnetto (Presidente Onorario) Adriana Musella (Presidente) Umberto Ambrosoli (Vice Presidente)».
Se n'è già parlato anche sulla Torre di Babele e quello sopra riportato è il testo completo dell'appello, dell'istanza e dell'invito che si possono leggere sul sito di Riferimenti. Si può aderire all'appello anche ricopiando il testo sintetico confezionato dal manifesto, che può essere sottoscritto e trasmesso alla redazione a questo indirizzo appello_calipari@ilmanifesto.it come segue: "Spettabile Redazione del manifesto, aderisco e sottoscrivo l'appello sotto trascritto, pregandoVi di provvedere all'inoltro. (firma) - "Nel considerarci, quali cittadini di questo Paese, parte lesa, in merito all’uccisione del dirigente del Sismi, Dott. Nicola Calipari, esigiamo che verità e giustizia non siano diritti negati alla sua morte, a tutt’oggi avvolta da misteri inquietanti e silenzi assordanti. Chiediamo al Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, nel quale riponiamo la massima fiducia, di rendersi interprete di questa istanza e garante della dignità della Nazione". E' inoltre sempre possibile sottoscrivere e trasmettere un appello al Presidente della Repubblica e ai Presidenti di Camera e Senato utilizzando l'apposito form dal sito di Articolo 21.

Sunday, September 18, 2005

Commenti USAti pochissimo

Ho riassunto ed accorpato qui i miei commenti ad un recentissimo post su La Torre di Babele in cui si è discusso del generale e tardivo riconoscimento dello svolgersi di una guerra civile, a lungo covata ed esplosa infine con prevedibile ed incontrastata virulenza, in Iraq.

E' difficile non attribuire agli USA buona parte della responsabilità per aver trascurato ogni soluzione politica, aver innescato e non aver saputo prevedere e controllare la guerra civile ormai in corso in Iraq. Nel caso l'establishment USA si è comportato come un chirurgo egocentrico e incompetente che decide di operare contro il parere dell'equipe dell'ospedale, non organizza l'intervento, estirpa un tumore e lascia il paziente a sanguinare. E ora chiede aiuto per occuparsi del moribondo. Fra i tanti l'errore degli USA (e a questo punto anche nostro) è stato scoprire, cioè non prevedere, che il terrorismo e tanto più quello suicida, poteva essere uno strumento non convenzionale pressochè invincibile e cercare di farvi fronte con ridondanti discorsi e mezzi convenzionali. Personalmente dubito che si sia ricorso a tutti i mezzi diplomatici possibili (la sortita iraqena era già decisa) e utilizzare un pretesto per iniziare questa campagna e far patire alla gente iraqena quella che è intesa come occupazione interessata del loro suolo e delle loro risorse non è stato comunque un buon inizio. Il verminaio degli interessi e dell'intolleranza in Iraq, tenuti sotto controllo da Saddam in modo criminale, è stato scoperchiato e ora temo che la situazione non possa che seguire il suo terribile corso naturale.

Ristretto il campo alla questione 11 settembre e corollari, occorre osservare che G.W.Bush - opportunamente coadiuvato o indirizzato dai suoi collaboratori - ha cavalcato la questione terrorismo usufruendo delle menti semplici della gran massa dei suoi elettori (e non solo), facendo di ogni erba un fascio, influendo sui media e sui governi bisognosi o vassalli ed autoeleggendosi paladino in patria e profeta del cosiddetto nuovo ordine mondiale (v. N. Chomsky: "si fa quel che diciamo noi"). Il tutto agitando una impossibile "guerra al terrorismo", cioè cercando di passar per possibile la risoluzione di un problema a monte inseguendone i mezzi a valle (v. pipistro: "Il terrorismo non è il nemico, ma un metodo, un mezzo terribile di cui il nemico, qualsiasi nemico, può valersi. Pensare di combattere il terrorismo è come pensare di combattere le armi senza occuparsi di chi le usa"). I risultati per ora sono sconfortanti. Il punto è aver semplicisticamente personalizzato "al Qaeda" come se si trattasse - appunto - di una persona (di volta in volta incarnata da Osama bin Laden, al Zawahri, al Zarqawi) o di una organizzazione strutturata, e di aver spinto buona parte del mondo a credere che - con quel presupposto - fosse possibile muovere guerra ("arrivano i nostri") a questa entità. Viceversa l'aspetto organizzativo di al qaeda inteso come banda di cattivi, è residuale e non molto rilevante, dacchè una "banda" di tal fatta è esistita, forse, per un periodo limitatissimo, dal 1996 al 2000, lira più lira meno. Finchè non si guarda ad al Qaeda come ad una ideologia o un metodo, appunto come alla base estremamente fluida di un movimento che può appoggiarsi indifferentemente a qualsiasi sacca islamica di malcontento e frustrazione a livello nazionale (v. palestina, kashmir, cecenia, ecc.), un movimento non alieno dall'utilizzare e diffondere l'uso di un mezzo estremamente efficace e a buon mercato (cioè un'arma pressochè imprevedibile ed invincibile) quale il terrorismo, la battaglia, comunque la voglia intendere George W. Bush e lasciando perdere qui eventuali diversi interessi, anche di bottega, è persa.

Wednesday, September 14, 2005

Premio giornalistico Enzo Baldoni

"Enzo era un giornalista coraggioso e uomo di dialogo. La sua vita e il suo lavoro hanno fatto di lui un uomo simbolo del dialogo tra i popoli, grazie alla sua voglia di ascoltare, capire, farsi portavoce e diventare megafono di uomini che vivevano in condizioni drammatiche e così diverse da quelle a cui siamo abituati. Ma era anche un giornalista che, per quello che tutti noi abbiamo potuto scoprire attraverso i suoi scritti, aveva occhi curiosi come quelli di un bambino, sempre desiderosi di sapere, di toccare con mano la realtà, anche quando faceva paura". Così, stasera, il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, ha descritto Enzo Baldoni alla cerimonia di consegna dell'omonimo premio giornalistico e ha rivolto prima di tutto ed innanzitutto un pensiero alla famiglia di Enzo con queste parole: "so che nulla potrà restituirgli Enzo, ma sapere che è restato nella memoria di tutti mi auguro e spero possa essere un conforto". Al breve discorso senza fronzoli di Filippo Penati è seguita la consegna dei premi, assegnati dalla giuria presieduta da Antonio Calabrò e composta da Natalia Aspesi, Enrico Deaglio, Antonio Di Bella e Giangiacomo Schiavi, consegnati personalmente da Aspesi, Deaglio e Schiavi. Il primo premio è andato a Daniela Bezzi per l'inchiesta "Ritorno a Bhopal", pubblicata dal settimanale Grazia nel dicembre 2004. Il premio per la TV e la radio è andato a Paolo Serbandini per il documentario "Libia/Clandestini" trasmesso su "Ballarò del 21 dicembre 2004. Il premio per la sezione internet è andato a Sergio Ramazzotti per il servizio "The Interpreter" (in rete su www.parallelozero.com) del quale lo stesso Ramazzotti - riferendosi alla sua esperienza diretta in Iraq, dove ha potuto esser testimone della difficile vita e del profondo senso di paura che avvolge la vita di un interprete iraqeno al seguito della coalizione - ha letto alcuni passi che gli hanno fatto guadagnare il sentito applauso dei presenti. Su blogfriends c'è anche una sua foto con Tuareg (Enrico Fovanna) della Torre di Babele. A sorpresa, intorno alle 19.30, è intervenuta alla cerimonia Gabriella Baldoni, la giovane figliola di Enzo. Meravigliosamente semplice, ha atteso pazientemente in un angolo defilato del portico del cortile di Palazzo Isimbardi le indicazioni dell'organizzazione. Sul palco ha raccolto con un sorriso le parole e i fiori offertile dal presidente Penati e gli applausi del pubblico, poi è andata via silenziosamente. Ho avuto occasione di presentarmi e di ringraziarla, poche parole per quello che mi ha dato, che ci ha dato, il suo papà. Ha sorriso con la consueta disarmante semplicità e addirittura ha finto di ricordare chi fosse il vostro pipistro.

[con le fotografie su blogfriends]

Sunday, August 28, 2005

Ancora vivo

Ho conosciuto Enzo come molti, nei pochi giorni trascorsi tra la notizia e i silenzi relativi alla sua sparizione. Tra le mezze affermazioni e i titoli gratuiti o sprezzanti o indegni di alcuni fogli quotidiani. Tra le parole del suo blog, dove ho cercato di leggere tutto e il più velocemente possibile mentre sulla Torre, cui ero stato indirizzato dal blog di Enzo e grazie a Pino, si stavano rincorrendo le notizie e le ipotesi. Fino a quel momento, fino a quel filmato di Al Jazeera che nessuno di noi ha visto e che forse non esiste nella forma e nelle versioni sulle quali tutto si è costruito. Poi ho cercato solo di capire, leggendo e rileggendo quel piccolo grande capolavoro di emozioni riversate su Bloghdad, a volte ridendo da solo come uno scemo e ritornando sui pezzi più arguti e sulle descrizioni di un mondo ferito e dolorante chiuse con una battuta, ma più spesso pensando a quanta umanità e quanto di sè quell'uomo, che non avevo mai visto, che non mi aveva mai parlato, riusciva a comunicarmi. E ancora cerco di capire e ancora penso, mi illudo, che fra le righe e qualche lazzo Enzo ci abbia già detto cosa cercare. Non capisco, non ci arrivo ma non mi arrendo, lui non lo avrebbe fatto. E non lo ha fatto e non ha neppure rinunciato a mandare in alto gli occhi, con ironia, quasi a mo di sfottò, parlando di sè in quell'ultimo filmato, davanti alla camera come a dire: "bah, cose che capitano". Penso ora alla descrizione del suo allegro funerale e al fatto che ancora ci rassicura dicendo che se ne sarebbe forse andato facendo esattamente quello che voleva. Poi ripenso alla sua descrizione di come ci si deve sentire galleggiando sul Mar Morto e sorridendo per la centesima volta lo ringrazio ancora per non essersene andato affatto. Per essere, per tutti ed anche per me, ancora vivo.

[tanti amici di Enzo Baldoni su blogfriends]