Wednesday, October 31, 2007

Acque nere

«Sono accusati di diverse violenze e omicidi, l'"incidente" più grave è la strage del 16 settembre a Bagdad, che è costata la vita a 17 persone, tra le quali un bambino di nove anni, ma le guardie di sicurezza della Blackwater non dovranno risponderne: gli investigatori del Dipartimento di Stato americano hanno offerto loro l'immunità proprio in merito all'inchiesta sulla morte dei 17 iracheni. La notizia è pubblicata dal New York Times che sottolinea - citando funzionari governativi - come di fatto si frenino così tutti gli sforzi per perseguire gli uomini coinvolti nell'episodio». [Repubblica]
Leggiamo su Wikipedia che mercenario è un soldato che per denaro compie azioni militari per conto di un privato, una società o per chiunque possa pagarlo. La particolarità è proprio nel fatto che la sua fedeltà non è rivolta al paese di nascita o di cittadinanza, ma solo al compenso che viene pattuito [...] Verso la fine del secolo, per evitare di usare il termine mercenario, considerato dispregiativo, le società che offrono questo tipo di servizi hanno preso ad utilizzare inglesismi come Contractors o "Private Military Companies" ed i singoli appartenenti contractor, anche se la diversa etimologia non ne cambia in nessun modo la sostanza. Ora, nessuno impedisce ad un milite prezzolato di rivolgere la propria attenzione e il proprio animo, oltre che alla mercede, a diversi obiettivi, come quelli dettati dall'ideologia, dall'attaccamento al proprio paese, dall'odio verso un diverso ceppo etnico o religioso, dalla divinizzazione del proprio contesto politico e sociale o dalla persuasione di essere investito di un compito di provenienza divina. Ma questo, quand'anche non fosse dettato da una vera e propria patologia del pensiero, non elimina la sostanza dell'attività mercenaria, che è quella di muovere violenza a pagamento. Il confine tra la difesa e l'offesa, in questi casi, è assai labile e viene superficialmente ricondotto ad un unico principio animale: la scelta - fasulla e aberrante - tra uccidere ed essere uccisi, senza neppure più considerare gli imbarazzanti presupposti che hanno dato ingresso a quella alternativa. Se ne rinvengono abbondanti dimostrazioni nella storia militare dell'ultimo quinquennio. La parvenza di legittimità e di autoassoluzione conferita poi dall'essere al seguito - anche in senso molto lato - di una bandiera è vieppiù pericolosa. Se poi questa bandiera è strumentale ad assolvere e giustificare ogni atrocità, cessa di essere il vessillo della libertà di una nazione e diventa una patina criminale volta a coprire ogni nefandezza in virtù di un fine, spesso ignoto ai più ma altrettanto censurabile, generalmente mascherato dalla propaganda e imposto a tutti come un tabù, come intangibile manifestazione di alti ideali e di attaccamento alla patria. E questo senza neppure considerare - sotto tutt'altro profilo - il rischio di affidare le proprie sorti a chi si è dimostrato disposto ad uccidere per un certo prezzo o bottino.
«Dico, adunque, che l'arme con le quali uno principe defende el suo stato, o le sono proprie o le sono mercenarie, o ausiliarie o miste. Le mercenarie et ausiliarie sono inutile e periculose; e, se uno tiene lo stato suo fondato in sulle arme mercenarie, non starà mai fermo né sicuro; perché le sono disunite, ambiziose, sanza disciplina, infedele; gagliarde fra' li amici; fra' nimici, vile ...». [Niccolò Machiavelli, Il Principe, Cap. XII]

Tuesday, October 30, 2007

Un cortese promemoria

In un articolo sul Jerusalem Post dell'8 novembre 2006, in cui attaccava il professor Neve Gordon del Department of Politics and Government dell'Università Ben Gurion di Be'er Sheva, Israele, Alan Dershowitz scriveva: «[Neve Gordon] mi ha pure diffamato, di recente, dicendo che avevo cercato di prevenire la pubblicazione dell'ultima pappardella anti sionista di Norman Finkelstein, Beyond Chutzpah. Nei fatti, come ho specificamente scritto nelle mie lettere agli editori di Finkelstein - e come Gordon sa, perchè ho rilasciato le lettere - "Io non ho interesse a censurare o sopprimere la libertà di espressione di Finkelstein"». Giorni dopo, il 10 novembre 2006, Mirene Ghossein (della Wespac Foundation) scriveva una email ad Alan Dershowitz: «Professor Dershowitz, lei in un primo tempo ha negato di aver scritto al Governatore Schwarzenegger perchè intervenisse nei confronti della California University Press per impedire la pubblicazione del libro Beyond Chutzpah del professor Finkelstein. Lynne Withey (direttrice del CUP per 19 anni) ha detto di "non aver mai sentito di una cosa del genere in California". Quando qualcuno dell'ufficio del Governatore rispose alla sua inesistente lettera, lei disse, nel corso di una intervista telefonica, che: "non era una lettera, era un cortese promemoria". Dobbiamo pensare che si tratti di una questione semantica e chiederle, per piacere, di rendere pubblica la lettera/"cortese promemoria" per fugare qualsiasi dubbio si possa ancora avere. Il documento si rivelerebbe una prova conclusiva». Tempo fa, in proposito, Shankar Ramamoorthy - un acceso critico del professore di Harvard, che a suo tempo aveva scritto a lungo ed inutilmente a Dershowitz perchè pubblicasse queste lettere - ha ottenuto gran parte della corrispondenza sulla vicenda facendone richiesta ai sensi del CPRA (California Public Records Act) alla University of California Press. Questa corrispondenza, edificante e significativa circa l'atteggiamento del luminare di Harvard, appare ora sul sito di Norman Finkelstein, compreso il cortese promemoria di Dershowitz al Governatore della California, qui sopra riprodotto. Di seguito la traduzione.

"Caro Governatore Schwarzenegger, so che sarà interessato nel cercare di prevenire uno scandalo imminente relativo alla decisione della University of California Press di pubblicare un libro brutalmente anti semita di un autore i cui estimatori principali sono neo nazisti in Germania e in Austria. Il libro al quale questo fa seguito [ndr The Holocaust Industry] è stato descritto da due eminenti storici come la versione moderna della nota contraffazione zarista I protocolli dei savi di Sion. Allego a questa missiva una lettera che ho scritto al consiglio di amministrazione dell'UCP e un articolo che documenta le mie accuse. Se lei potrà fare qualcosa per aiutare a prevenire questa imminente tragedia, so che molti dei suoi elettori ne saranno molto compiaciuti, come lo sarei io. Sarò felice di fornirle qualsiasi ulteriore informazione, poichè ho seguito questa vicenda molto da vicino. Sinceramente".

Friday, October 26, 2007

Octopus

Ebbene sì, i tentacoli della Lobby per antonomasia, ben noti al pubblico americano, sottoposto ai voleri dettati da un coacervo trasversale di politici filo israeliani, fondamentalisti cristiani, simpatizzanti o rapaci collettori di fondi elettorali, si insinuano anche nella vecchia Europa. Non è molto (era il 28 marzo 2007) che alla Oxford Union, la più nota casa inglese di dibattiti, David Aaronovitch del Times negava sdegnosamente che le pressioni della Lobby in favore di un indecoroso allineamento ai nefasti della politica israeliana in Medio Oriente si estendessero anche all'Europa (video). Proprio dalla stessa sede, quella della Oxford Union, proviene viceversa in questi giorni materiale sufficiente per dimostrare quanto l'immaginazione di Aaronovitch fosse male indirizzata. Nulla di grave - a mio avviso - poiché trasversali influssi unilaterali e filo sionisti non sono cosa ignota anche da noi, solo che di rado arrivavano alla faziosa spudoratezza del mainstream informativo nord americano, che funge da base al generale appoggio popolare fornito da chi, negli USA, non legge alcunchè - come dice Gore Vidal - o pende dalla monocorde propaganda dei soli canali mediatici di larghissima diffusione e dalla spazzatura scandalistica. E si parla di influssi trasversali, di molteplice provenienza e spesso con diversi scopi e presupposti, proprio per eliminare il sospetto che si voglia dar credito ad ipotesi di malefici complotti su scala planetaria, che a nulla servono salvo alimentare strumentali contestazioni.

In concreto, il 23 ottobre scorso era previsto un dibattito alla Oxford Union sulla questione israelo palestinese, al quale erano invitati due gruppi di intellettuali (accademici, analisti, politici), rispettivamente a favore del recupero della soluzione "a due Stati" - la stessa e sinora infruttuosa utopia di Oslo e di Camp David, riproposta nella teorizzata futura conferenza di Annapolis - o a favore della cosiddetta "One State Solution", che vedrebbe israeliani e palestinesi convogliare le proprie risorse nella creazione di un unico stato secolare, con uguaglianza di diritti in base alla cittadinanza e non - come è ora - in funzione dell'appartenenza alla fede ebraica.

Inutile descrivere qui (il discorso è immenso) le implicazioni e le recriminazioni che un simile dibattito avrebbe suscitato, né l'enorme interesse che un obbiettivo approccio al problema avrebbe destato per chi dei motivi del conflitto e di una ipotetica soluzione non si è mai occupato (un occasione per saperne qualcosa in più) o, viceversa, per chi dedica buona parte o tutti i propri studi all'analisi della questione medio orientale. Gli è che il dibattito è stato cancellato e il motivo - come narrato sul Jerusalem Post - sarebbe stato la defezione di alcuni degli accademici invitati. Ma leggiamo, invece, come in poche parole ce lo racconta Ghada Karmi, che doveva partecipare alla discussione presso la Oxford Union.

"La più recente e meno attraente importazione dall'America, dopo la Coca Cola, McDonalds e Friends, è la lobby pro-Israele. L'ultimo bersaglio di questa campagna in stile USA è l'augusta Oxford Union. Questa settimana due colleghi israeliani ed io dovevamo apparire ad un importante dibattito sulla soluzione a uno Stato in Israele-Palestina. Era anche invitato uno studioso ebreo americano e noto critico di Israele, Norman Finkelstein. All'ultimo minuto, invece, la casa di Oxford ha ritirato il suo invito [a Finkelstein], apparentemente intimorita dalle minacce di vari gruppi filo israeliani. L'avvocato ebreo ed infaticabile difensore di Israele, Alan Dershowitz, ha attaccato l'argomento del dibattito come la Oxford Union stessa. In un articolo titolato "La Oxford Union è morta", ha accusato la casa di essere diventata una "piattaforma di propaganda per visioni estremistiche" ed ha censurato la sua scelta di quelli che ha definito oratori anti israeliani e antisemiti [...] Solidarizzando con Finkelstein e per opporci a questa grossolana interferenza nella vita democratica britannica, tre di noi - dalla parte della soluzione a uno Stato - cioè io, Avi Shlaim (dell'università di St Anthony, Oxford) e lo storico israeliano Ilan Pappe, abbiamo deciso di ritirarci dal dibattito. Non è stata una decisione facile, poiché l'argomento era attuale e necessario, visto il contingente empasse nel processo di pace israelo palestinese e la carenza di soluzioni innovative. Dershowitz e gli altri attivisti filo israeliani possono gioire del loro successo per avere annichilito una discussione importante. Ma è di poco conforto per coloro i quali si preoccupano della libertà di parola in questo paese. Nel maggio scorso Dershowitz aveva interferito nella vita accademica quando l'Università e la College Union avevano pesantemente votato per dibattere la correttezza di un boicottaggio nei confronti delle istituzioni israeliane. [Dershowitz] si era accompagnato ad un legale britannico, Anthony Julius, ed altri, minacciando di "devastare e mandare in bancarotta" chiunque avesse agito contro le università israeliane [...] Attività di questo genere sono familiari negli USA. La gente è costretta o rassegnata ad avere la propria libertà di espressione limitata dalla lobby pro-israeliana e le minacce di Dershowitz non avrebbero sorpreso nessuno. Ma l'Inghilterra è differente ed ingenuamente indifesa di fronte ad aggressioni in stile americano contro i propri accademici e le proprie istituzioni".

Per parte sua, Karl Sabbagh, un altro dei possibili partecipanti al dibattito annota sul Guardian che pure Dershowitz era stato invitato (per la fazione contro la "One State Solution") ma, appurato che alla discussione avrebbe partecipato un anti sionista come Norman Finkelstein, ha attaccato la casa inglese per avere invitato il suo acerrimo antagonista, anzicchè un oratore conforme alla sua idea pro sionismo e pro Israele ed ha alla fine provocato la cancellazione del dibattito. Osserva quindi Sabbagh: "il suggerimento che i palestinesi e i loro sostenitori non possano discutere di fronte ad un pubblico quella che essi considerano essere la miglior soluzione ai loro problemi senza invitare un oratore per Israele è un nonsense. Spero che il comitato della Oxford Union voglia riconsiderare la sua pavida azione e rimettere in programma questo importante dibattito".

Ora, a qualsiasi mediocre esperto in comunicazione, a qualsiasi analista o anche solo a chi scorra le pagine della propaganda iniettata tra le notizie dei mezzi di grande diffusione in Europa, non può sfuggire il fatto che il trasversale sistema lobbystico filo israeliano non ha cambiato atteggiamento, ma solo strategia. Quanto veniva infiltrato tra le parole di un discreto numero di commentatori ed opinionisti o tra le righe dei testi destinati a formare chi volesse intraprendere l'analisi del problema medio orientale, gode adesso, in più, della deriva guerrafondaia e neoconservatrice di ispirata provenienza americana. Una deriva che - agitando guerra al terrorismo, guerra preventiva e conflitto di civiltà - semplifica l'attualità a "beneficio" popolare e nasconde le proprie mire concrete (e qui semplifico io) in termini di egemonia, di espansione, di controllo a vari livelli sulla vita altrui e giocando su denaro, armi, petrolio, dio e miserie umane, si batte per mantenere sulla globalità del pianeta un impossibile status quo, la divinizzazione di un sistema incompatibile con la naturale rivalutazione del concetto di uguaglianza. Dicevamo che è cambiata strategia e quello che fino ad alcuni anni addietro sarebbe risultato impensabile ed impresentabile alla sensibilità giuridica e sociale europea, oggi si presenta nel vecchio continente in termini di grottesca e grossolana ingerenza e di fazioso annebbiamento dei fatti. Ma più dei vari Dershowitz - agevolmente esposti alla riprovazione di chi non si accontenta della propaganda (abbondante anche da noi) - preoccupa chi, assai più spesso e sotto mentite spoglie, propone la stessa deviata operazione avvalendosi dei ben più sottili mezzi, anche dialettici, di tradizione - quella sì - assolutamente europea.
__________________________________________________
Aggiornamento - Una lettera al Presidente della Oxfor Union

A Luke Tryl - President of Oxford Union - Oxford University, UK
Caro Luke,a dispetto delle nostre divergenze è stato un piacere parlarti al telefono oggi, 23 ottobre 2007. Grazie per la tua apertura ed onestà. Ora faccio seguito con una lettera per registrare la mia protesta ufficiale sulla decisione che hai preso di rimuovere il professor Norman Finkelstein dal dibattito che doveva svolgersi il 23 ottobre, alla Oxford Union, sul tema "La soluzione a uno Stato è l'unica soluzione per Israele". Registro la mia protesta come privato cittadino di Israele, sono un produttore cinematografico e un soldato della riserva nell'esercito israeliano. E ci sono alcuni punti, emersi dalla nostra conversazione, che credo sarebbero di più ampio interesse rispetto a noi, così vorrei sottolinearli e condividere questa lettera con il professor Finkelstein e con chiunque sia interessato.
Per riprendere la nostra conversazione, tu mi hai detto che il motivo per rimuovere il professor Finkelstein dal dibattito è stato l'intervento di alcuni centri di interesse e persone che hanno fatto pressioni sulla Oxford Union. Hai identificato Alan Dershowitz come una di queste persone e hai detto che ha personalmente richiesto la rimozione di Finkelstein dal dibattito per il seguente motivo, con Finkelstein a favore della soluzione "a due Stati" il dibattito sarebbe stato troppo "anti israeliano" e "sbilanciato".
Ho risposto che questo dibattito era in merito alla soluzione "a uno Stato" contro quella "a due Stati"; le due parti dovevano discutere quale delle due soluzioni potesse essere la migliore per Israele e per i palestinesi. Non si doveva dibattere sul fatto di essere "pro" o "contro" Israele; così il fatto che Finkelstein fosse "pro" o "contro" Israele era irrilevante. Finkelstein, come chiunque altro, ha il diritto di essere a favore o contro Israele e questo non può essere sufficiente per escluderlo da un dibattito in una sede come quella della Oxford Union. Hai convenuto cone me ed hai dichiarato che questo era pure il tuo pensiero. In ogni caso sei stato forzato a "scaricare" Finkelstein per la pressione che hanno esercitato su di te.
Sfortunatamente, con questa decisione hai dimostrato che la "libertà di parola" nella gruppo di discussione a Oxford è suscettibile di censura. Hai pure rivelato la triste circostanza che pure un'istituzione prestigiosa ed anziana come quella di Oxford, che si presume rappresenti i più alti ideali della cultura occidentale, quale la libertà di espressione, si adatta alle pressioni di centri di interesse quali la Lobby israeliana e Alan Dershowitz. Suggerisco che, per te, l'unico sistema per restaurare la vostra integrità accadamica, sia quello di scusarvi ufficialmente con il professor Finkelstein su questo sito web, spiegando cosa è realmente accaduto.
Non ti sto chiedendo con leggerezza di prendere posizione contro quello in cui credi. Stavo nelle truppe paracadutiste d'elite israeliane, ma dopo quello che ho visto e sono stato costretto a fare, ho promesso che non sarei mai più tornato nell'esercito, né avrei agito come strumento per schiavizzare tre milioni e mezzo di persone nella loro stessa terra senza alcun basilare diritto umano. Come soldato che rifiuta i propri doveri di riservista (sono membro del gruppo di ufficiali dell'IDF "Courage to refuse"), vivo nella costante minaccia di essere imprigionato. Puoi quindi immaginare che io sappia cos'è la "pressione esterna". Vorrei solo che tu avessi il coraggio di seguire i tuoi personali ideali e la tua integrità, perchè, come presidente della Oxford Union, i tuoi studenti e gli intellettuali di tutto il mondo non si aspettano da te nulla di meno.
Con i migliori saluti - Ronen Berelovich - Israel

__________________________________________________
Per approfondire
http://frontpagemagazine.com/Articles/Read.aspx?GUID=DAC7C4BE-09AC-4D96-ABE1-6FEA35AD4BE3
http://www.jpost.com/servlet/Satellite?c=JPArticle&cid=1192380626623&pagename=JPost/JPArticle/ShowFull
http://clients.mediaondemand.net/thedohadebates/index.aspx?sessionid=22&bandwidth=hi
http://commentisfree.guardian.co.uk/ghada_karmi/2007/10/intellectual_terrorism.html.printer.friendly
http://www.guardian.co.uk/israel/Story/0,,2198449,00.html http://www.zmag.org/content/showarticle.cfm?SectionID=22&ItemID=14152

Saturday, October 20, 2007

Stupefacenti

Stralcio da "Nuova disciplina dell’editoria e delega al Governo per l’emanazione di un testo unico sul riordino della legislazione nel settore editoriale (disegno di legge 3 agosto 2007)" - Art. 2 (Definizione del prodotto editoriale) - 1. Per prodotto editoriale si intende qualsiasi prodotto contraddistinto da finalità di informazione, di formazione, di divulgazione, di intrattenimento, che sia destinato alla pubblicazione, quali che siano la forma nella quale esso è realizzato e il mezzo con il quale esso viene diffuso. 2. Non costituiscono prodotti editoriali quelli destinati alla sola informazione aziendale, sia ad uso interno sia presso il pubblico. 3. La disciplina della presente legge non si applica ai prodotti discografici e audiovisivi. Art. 6 (Registro degli operatori di comunicazione) - 1. Ai fini della tutela della trasparenza, della concorrenza e del pluralismo nel settore editoriale, tutti i soggetti che esercitano l’attività editoriale sono tenuti all’iscrizione nel Registro degli operatori di comunicazione, di cui all’articolo 1, comma 6, lettera a), numero 5, della legge 31 luglio 1997 n. 249. Sono esclusi dall’obbligo della registrazione i soggetti che operano come punti finali di vendita dei prodotti editoriali. 2. L’iscrizione al Registro degli operatori di comunicazione è condizione per l’inizio delle pubblicazioni dei quotidiani e dei periodici, e sostituisce a tutti gli effetti la registrazione presso il Tribunale, di cui all’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47. Sono fatti salvi i diritti già acquisiti da parte dei soggetti tenuti a tale registrazione in base alla predetta normativa. 3. La tenuta del Registro degli operatori di comunicazione è curata dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ai sensi dell’articolo 1, comma 6, lettera a), numero 5, della legge 31 luglio 1997 n. 249. 4. L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni adotta un regolamento per l'organizzazione e la tenuta del Registro degli operatori di comunicazione e per la definizione dei criteri di individuazione dei soggetti e delle imprese tenuti all'iscrizione, ai sensi della presente legge, mediante modalità analoghe a quelle già adottate in attuazione del predetto articolo 1, comma 6 della legge 31 luglio 1997 n. 249 e nel rispetto delle disposizioni già contenute nell’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47. Art. 7 (Attività editoriale su internet) - 1. L’iscrizione al Registro degli operatori di comunicazione dei soggetti che svolgono attività editoriale su internet rileva anche ai fini dell’applicazione delle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa. 2. Per le attività editoriali svolte su internet dai soggetti pubblici si considera responsabile colui che ha il compito di autorizzare la pubblicazione delle informazioni. (L'intero provvedimento)

Facendo una rapida analisi degli artt. 2, 6 e 7, di questa trovata ministeriale, si ricava che qualsiasi manifestazione pubblica del pensiero viene definita "prodotto editoriale". Chi se ne fa latore viene immediatamente sottoposto a registrazione (presso il ROC, Registro degli Operatori di Comunicazione) e risponde personalmente, in sede civile e penale, dei relativi contenuti, da chiunque provengano. Per esempio, i commenti all'interno di una discussione su un forum, da chiunque proposti, vengono ascritti alla volontà del titolare del sito che ospita il forum a titolo di responsabilità oggettiva - esattamente come accade al direttore responsabile di un giornale - per non aver impedito (e/o rimosso) la manifestazione del pensiero altrui. Questo indegno progetto di legge ripropone le elucubrazioni interpretative che hanno già indotto qualche magistrato (perlomeno in primo grado) ad equiparare la posizione del blogger a quella del direttore responsabile di una testata giornalistica, "creando" una norma che non esisteva e che oggi, con l'atto governativo in questione, minaccia di vedere la luce. I presupposti e gli scopi di questo provvedimento liberticida - nella teoria ed ancor più nella pratica - non meritano discussione, correttivi o emendamenti. Si tratta di un bavaglio indecoroso, di una risposta isterica e trasversale al pericolo dell'informazione generalizzata (pertanto fuori dal controllo notoriamente esercitato sui media tradizionali), allorché, soprattutto, essa risulti tesa a smascherare ed esporre le inadeguatezze e le malefatte del potere.

Tuesday, October 16, 2007

Cipriani, una strada a senso unico?

15 ottobre 2007, verdetto di colpevolezza "oltre ogni ragionevole dubbio" per Michael Castillo (foto da nbc30.com). Ma è proprio così? Unico testimone a discarico: lo stesso imputato contro 24 testimoni dell'accusa, secondo i quali l'assassinio di Robert "Bobby" Stears fu commissionato e finanziato da Benedetto Cipriani, eseguito da Jose "Joey" Guzman, condotto (o accompagnato) sul luogo del triplice omicidio da Castillo, con la pistola acquistata da Erik Martinez. Delle incongruità di questa vicenda abbiamo già parlato, prima fra tutte la labile assurdità del movente (Cipriani sarebbe stato "molto arrabbiato" con la ex fidanzata, Shelly Stears, madre di tre figli, perchè questa non voleva lasciare il marito: "Shelly Stears told police that although the affair was largely over, she'd seen Cipriani the week before - and he'd called several times on the day of the murders"). Poi c'è il fantasioso comportamento di Guzman, l'esecutore materiale, inserito nella lista dei testimoni dell'accusa a fronte di un accordo di cooperazione in base al quale egli stesso ha confessato la triplice esecuzione ("When he accepted his plea deal two years ago, Guzman admitted that he forced one of the shop's co-owners, Robert J. Stears, back into the garage at gunpoint. Guzman then ordered Stears, his fellow co-owner Barry Rossi, 43, and their mechanic Lorne R. Stevens, 38, to lie on the garage floor and shot each man in the head") e avrebbe testimoniato contro gli altri imputati. In cambio la pubblica accusa non avrebbe chiesto per lui la pena di morte. Ora il procuratore potrebbe recedere dall'accordo, riportando a zero il percorso di Guzman per cercare di evitare la pena capitale. Al processo di Castillo era presente la madre, Zoraida Gonzalez, che ha dichiarato di essere rimasta sorpresa del verdetto. "Non credo che debba finire in questo modo", ha detto. Ma solo suo figlio ha testimoniato, in proprio favore, di essere stato "passeggero inconsapevole" di Guzman mentre questi si recava in auto a Windsor Locks "per prendere dei soldi" e solo dopo il delitto avrebbe visto Guzman uscire dall'autofficina di Stears e Rossi, portando con sé una pistola. Per l'accusa Castillo avrebbe ricevuto 2000 dollari da Guzman per il suo ruolo. Questi avrebbe trattenuto per sé altri 2000 dollari, mentre 1000 sarebbero andati a Martinez, che avrebbe acquistato con altri 900 dollari l'arma usata per gli assassini ("The shooter, Jose Guzman, said he was paid $5,000 by Cipriani to kill Stears, and killed Rossi and Stevens because they were inside the shop. Castillo received $2,000 of the money for driving Guzman, 26, to and from the Spring Street garage [...] For his efforts in the murder plot, Martinez said, he received $1,000" - aggiornamento sul Journal Inquirer).

A parte la incongruità del movente, la singolare scelta dei sicari nell'ambiente della nuova fidanzata di Benedetto Cipriani, le circostanze in cui essi sono stati individuati dalla polizia (seguendo le indicazioni ottenute da Velasquez, uno zio di Erik Martinez, fermato a New Britain per motivi di droga), le modalità di esecuzione del triplice omicidio, e ancora - sotto il profilo processuale - il sorprendente diniego di Guzman a testimoniare, va di nuovo sottolineata la spasmodica sovrabbondanza di telefonate tra i presunti complici nelle ore a cavallo dei fatti. Tra queste, almeno tre sarebbero state effettuate da Benedetto Cipriani a Shelly Stears. Anche nell'ottica a senso unico dell'accusa, ma partendo dall'elementare presupposto che i colpevoli di regola non hanno necessità di seminare prove a proprio carico, la ricostruzione delle comunicazioni tra i protagonisti di questa vicenda - necessariamente approssimativa poichè tratta dalla stampa locale - risulta incomprensibile.

h 16.00 Cipriani telefona a Shelly Stears (dichiarazione S. Stears: Cipriani le avrebbe detto di essere sul punto di lasciare il proprio lavoro a New York).
h 16.30 Martinez vede Guzman e Castillo partire con la Nissan Pathfinder di Castillo, poi si addormenta sul divano (secondo Jennifer Cruz, fidanzata di Martinez). Castillo dice di essere stato chiamato a casa di Martinez per un giro in macchina, poi risoltosi nell'accompagnare solo Guzman "a Windsor [Locks] per prendere dei soldi". Castillo dice che fu Guzman a guidare, perchè lui voleva "farsi" con della marijuana e del cognac. Per tutti (Castillo, Cruz, Martinez), Martinez è rimasto a casa sua ad Hartford con Jennifer Cruz.
h 16.57 Cipriani telefona a Castillo - o viceversa - quando questi è a circa 1,6 miglia da B&B Automotive.
h 17.12 (30 luglio 2003) E' il momento degli omicidi a Windsor Locks all'interno della B&B Automotive. Castillo dichiarerà di essere entrato, in quel momento, nel negozio di ricambi a fianco di B&B chiedendo di uno specchietto retrovisore.
[Una certa Mary Ann Borescheski, che vive nelle vicinanze di B&B ha dichiarato anni fa che era fuori quando udì sei o sette colpi di fila. Qualcuno più tardi andò a casa sua e le disse che chi aveva sparato era nelle vicinanze] [nbc30.com - 31 luglio 2003]. Secondo Castillo, Guzman sarebbe entrato da B&B e uscito con una pistola in mano, ordinandogli di guidare per andare via, cosa che Castillo fece. Durante il viaggio di ritorno - sempre secondo Castillo - Guzman telefonò con il cellulare di Castillo a qualcuno e disse "è fatta, ti chiamo dopo".
h 17.30 Guzman telefona secondo Jennifer Cruz (a Cipriani, secondo la polizia) e dice "è fatta". Castillo riferisce che Guzman gli disse di avere ammazzato tre persone, ma che lui non ci credette e, inoltre, che lo stesso Guzman lo minacciò con la pistola mentre faceva una telefonata e leggeva un biglietto che aveva in grembo.
h ??.?? Cipriani telefona a Shelly Stears (dichiarazione di S. Stears).
h 17.38 Cipriani telefona a Castillo (o viceversa).
h 18.15 Cipriani telefona a Shelly Stears (dichiarazione di S. Stears: Cipriani le avrebbe chiesto se stava andando a casa e dove fosse il marito).
h ??.?? Cipriani telefona a casa di Martinez.
h 19.30 Castillo telefona a sua sorella (farà altre sette telefonate alla sorella fino alle 2.30 del mattino).
h 21.00 Castillo telefona a Martinez (farà altre tre telefonate a Martinez fino alle 12.30 del giorno dopo).

Wednesday, October 10, 2007

Caso Cipriani, verdetto in vista per Michael Castillo

Dopo aver ascoltato le dichiarazioni finali delle parti, la giuria di Hartford, Connecticut, ha iniziato martedì a deliberare nel processo contro Michael Castillo, il presunto "autista" del gruppo ingaggiato - secondo l'accusa - da Benedetto Cipriani quale organizzatore dell'assassinio di Robert Stears, risoltosi in un triplice omicidio nel 2003. Nel corso del processo Castillo non ha mai riconosciuto la sua responsabilità, cioè - più precisamente - ha contestato la propria consapevolezza di un piano per uccidere Bobby Stears ed ha sostenuto di aver condotto sul luogo del delitto Jose Guzman, reo confesso, senza conoscerne in alcun modo il motivo. Contro Castillo milita la testimonianza del presunto terzo componente della spedizione criminale, Jose Martinez e della fidanzata di quest'ultimo (Jennifer Cruz), nonchè la sospetta sovrabbondanza di telefonate che Castillo avrebbe effettuato a Martinez ed anche - sembra - da o per l'utenza di Cipriani, nelle ore a cavallo degli omicidi.

Nella sua dichiarazione finale, l'assistente al procuratore, Dennis O'Connor, ha suggerito alla giuria che Cipriani ha ideato il piano, ha reclutato Martinez, figlio della allora fidanzata di Cipriani, lo ha informato circa i luoghi dove "Bobby" Stears viveva, dove lavorava (la sua officina B&B Automotive, v. foto) e dove giocava a golf, precisando che lo stesso Cipriani - nel suo sforzo per convincere Martinez a partecipare al complotto omicida - gli avrebbe riferito che si trattava di vendicare lo stupro, da parte di Stears, di una ragazza ispanica. In particolare, Erik Martinez ha raccontato che "una sera, mentre tornava da una cena con sua madre e il suo nuovo fidanzato, Benedetto Cipriani, questi gli chiese se era interessato ad un lavoro, 'far fuori' un tizio che - egli disse - aveva stuprato la figlia di un compagno di lavoro". Martinez ha dichiarato inoltre che la storia lo aveva coinvolto perchè lui stesso era stato concepito per uno stupro. ("When Erik Martinez came back from dinner one night with his mother and Benedetto Cipriani, her new boyfriend, Cipriani asked him whether he would be interested in a job to "take out" someone who he said had raped the daughter of a co-worker, Martinez testified Thursday [martedì 2 ottobre 2007]. Martinez said the story had resonated with him because he had been conceived during a rape. Testifying on the third day in the trial of his cousin Michael Castillo in Superior Court in Hartford, Martinez was explaining how he came to take part in the murder-for-hire plot that left three people dead and that he and others say was masterminded by Cipriani").

Nella discussione finale Auden Grogins, uno dei difensori di Castillo ha sottolineato talune incongruenze nelle testimonianze di Martinez, di Jennifer Cruz e degli agenti di polizia che a suo tempo svolsero le indagini. In particolare Martinez avrebbe testimoniato contro Castillo fornendo alla giuria particolari "inediti" rispetto al momento del proprio accordo con la pubblica accusa. Ricordiamo infatti che Martinez - che ha confessato di aver acquistato l'arma usata da Jose Guzman per compiere materialmente i delitti - ha concordato una pena di 25-30 anni di reclusione a fronte di un accordo che prevede anche la sua testimonianza contro gli altri imputati.

Alla sensibilità giuridica italiana non può sfuggire il fatto che le testimonianze più importanti in questo processo a Michael Castillo (cosa che verosimilmente si rifletterà anche nel processo cui è destinato il nostro connazionale) sembrano basarsi su una sospetta logica di "do ut des" sconosciuta (almeno ufficialmente) al nostro ordinamento. I tre sicari, a vario titolo diretti responsabili degli omicidi sarebbero stati, infatti, individuati in base alla provvidenziale testimonianza dello zio di Martinez, un certo signor Velasquez incappato in una retata per motivi di droga ad opera della polizia di New Britain (Connecticut). Di seguito l'accusa ha stipulato accordi con Martinez, il presunto acquirente dell'arma, e Guzman, il presunto omicida, perchè testimoniassero contro i coimputati. Il primo lo ha già fatto anche nell'attuale processo contro Castillo, il secondo si è viceversa e sorprendentemente rifiutato di deporre, mettendo a repentaglio il suo stesso accordo con il pubblico ministero. Cioè, in pratica, rischiando che la pubblica accusa chieda per lui la pena di morte. Non è possibile trascurare il fatto che questa ultima circostanza - il rifiuto a testimoniare di Guzman - risulta quantomeno singolare.

Sotto il profilo di merito e per quello che riguarda più da vicino Benedetto Cipriani, occorre ancora una volta sottolineare: a) la labilità del movente individuato dall'accusa. Ricordiamo che Benedetto Cipriani avrebbe agito a fronte del rifiuto di Shelly Stears di abbandonare il marito per lui. Questa circostanza è stata recisamente negata da Cipriani, che sostiene - ma è pacifico per tutti - che il rapporto stabile con Shelly Stears, madre di tre figli, era finito ("Cipriani became a suspect in the triple murder almost immediately after it occurred, when Stears' wife, Shelly, admitted to investigators that she had had a yearlong affair with Cipriani in 2001 and 2002, followed by a year of continuing contact and occasional sexual encounters"). Tale assunto è corroborato dal fatto che all'epoca dell'ingaggio pacificamente il Cipriani era legato alla madre di Martinez; b) una straordinaria quantità di (presunte) prove sarebbe stata beatamente disseminata da Cipriani a proprio carico. Questi - secondo i testimoni - si sarebbe recato tre volte sul luogo del delitto, anche usando la propria autovettura ed incontrando futuri testimoni. Avrebbe poi usato il suo cellulare per molteplici telefonate ai "sicari" e a Shelly Stears proprio all'ora del delitto e si sarebbe rivolto ad un consesso parentale, a lui prossimo, per l'omicidio (il figlio della sua fidanzata e due cugini del primo, Martinez risulta infatti cugino sia di Castillo che di Guzman); c) il triplice omicidio è avvenuto con le modalità di una vera e propria esecuzione, indirizzata nei confronti di tutte e tre le vittime (Bobby Stears, il suo socio d'affari Barry Rossi e il loro operaio, Lorne Stevens sono stati fatti sdraiare per terra e freddati con un colpo alla nuca); d) non risulta che le indagini (stagnanti da luglio a dicembre 2003) si siano mai rivolte verso persone diverse da quelle indicate da Shelly Stears e da Velasquez e da quest'ultimo 'spolverate' mentre era coinvolto in suoi problemi di droga, testimoni entrambi, per diversi motivi, tutt'altro che attendibili; e) è stato riferito di una bizzarra assicurazione comune sulla vita di Robert Stears e Barry Rossi, pagabile solo in caso di morte contemporanea dei due soci. Tutte circostanze, queste, suscettibili di instillare ben più di un sospetto.

E' prematuro parlarne, ma un aspetto piuttosto importante sotto l'aspetto pratico è il silenzio osservato dai media del Connecticut, non meno che da quelli italiani, rispetto alle conseguenze di una eventuale condanna del nostro connazionale. Al riguardo, infatti, a prescindere dai problemi di costituzionalità - ad avviso di molti disinvoltamente trascurati dal nostro esecutivo nell'atto di concedere l'estradizione - il relativo decreto a firma del ministro Castelli del 12 novembre 2005 è inequivocabile: "L'estradizione è subordinata alla condizione che gli Stati Uniti non condannino Cipriani Benedetto alla pena capitale o, se irrogata, che la pena capitale non venga applicata e che sia consentito al Cipriani, qualora condannato a pena detentiva e ne faccia richiesta, di scontare la pena in Italia". Sarà opportuno che nessuno se ne dimentichi.

Saturday, October 06, 2007

Nuances

"Benchè i tributi alla libertà di pensiero diano corpo a manifestazioni di superiorità da parte dell'America e degli altri governi occidentali, essa è messa in pratica a repentaglio con flagranti violazioni dell'integrità accademica e del protocollo. Non è possibile immaginare che un bianco europeo, un capo di stato americano, persino un [leader] autoritario come Putin, vengano descritti nel modo degradante che ha usato il rettore della Columbia University [Bollinger] per presentare Mahmoud Ahmadinejad come un "piccolo crudele dittatore" [...] Non ci sono scusanti per aver invitato un leader eletto a parlare nella vostra università solo per accusarlo di essere carente di "coraggio intellettuale" prima che abbia avuto la possibilità di parlare. Si chiama agguato". [Priyamvada Gopal sul Guardian]

C'è chi ha osservato, in proposito, che, anche nel mondo accademico, l'atteggiamento negli USA è quello dei cowboy. C'è del vero anche in questa affermazione, ma, nel caso, non è tutto. Invitando Ahmadinejad la condotta della Columbia non è stata migliore di quella di chi fa beneficenza perchè - e purchè - si sappia in giro. Il rozzo approccio del rettore, Lee Bollinger, poggiava infatti sul sottinteso che la superiore civiltà americana non ha paura di consentire che anche un imprudente e provocatorio picconatore di inviolabili tabù possa dire la sua, ma era sguaiatamente indirizzato a minarne ogni reale valutazione e riconoscimento. Per fare questo c'erano due sistemi, il primo era quello di battersi sullo stesso piano con il presidente iraniano, rischiando che i propri elementari e ben noti pregiudizi venissero ridicolizzati dalle sottovalutate finezze di un astuto intellettuale mascherato da contadino. Il secondo era atteggiarsi al duello in puro stile vecchio west. Bollinger ha optato per quest'ultimo approccio, vuoi sotto il giogo di ben note interferenze, vuoi probabilmente in funzione della propria limitata capacità di giocare una vera partita dialettica con il presidente della Repubblica Islamica. Senonchè, come alcuni analisti hanno avuto il coraggio (fuori dagli USA) di sottolineare, salendo sul palco della Columbia, Ahmadinejad aveva già vinto la sua partita. Dopo aver pazientemente indicato al pubblico che la condotta osservata nei suoi confronti era stata ineducata, il presidente iraniano ha indicato con poche parole agli studenti della Columbia - ma anche al popolo americano e a tutti - l'incombenza sul mondo di un problema materiale e di una zavorra morale, entrambi di provenienza israeliana. Il resto, comprese alcune singolari osservazioni sulla libertà e sull'omosessualità in Iran, erano sostanzialmente materiale inerte. Ogni vero contadino persiano se ne deve essere accorto, Lee Bollinger probabilmente no.

Tuesday, October 02, 2007

Ancora sul caso Cipriani

Il 19 settembre 2007, lette le ultime notizie su Benedetto Cipriani, inviavo questo commento sul blog del Ministro della Giustizia Mastella: «Signor Senatore, capisco di uscire dal topic, del resto tanto generico da includere - volendo - gran varietà di argomenti. Le sottopongo in buona sostanza due notizie. La prima è che non mi riferisco a Grillo (e non mi sembra un male), né all'alzheimer (non è il caso), ma semplicemente a Lei, o meglio, alla Sua funzione. La seconda riguarda le novità che ci giungono d'oltreoceano sulla sorte di un nostro connazionale, a Lei già noto, per il quale - secondo il nostro diritto - vige la presunzione di innocenza e, viceversa, sembrano accumularsi fondati motivi di preoccupazione. Sinteticamente (ed anche un po' per pigrizia) riporto quanto scritto or ora sul mio blog, pregandoLa di rivolgere nuovamente la Sua attenzione ad una vicenda che, sotto il profilo di merito, alla luce dello strepito suscitato (anche) per la cittadinanza del protagonista e per il rischio che venga meno una sua efficace difesa tecnica nel processo, sembra colà già destinata ad un infausto epilogo per il nostro conterraneo. Quanto infausto è questione che, con tutta probabilità, potrebbe del resto riguardare il Suo Ministero a breve o a brevissimo, viste le condizioni cui era subordinato il decreto di estradizione (v. immagine). La ringrazio per l'attenzione». In proposito richiamo doverosamente il fatto che il ministro Mastella dichiara di ricevere "oltre mille commenti al giorno" - link - del che nessuno dubita - ma mi duole riferire che, ad oggi, il commento non risulta aver superato i filtri della moderazione, ovvero dell'interesse. Allo stato non ho quindi ricevuto, né potuto leggere altrimenti, alcuna risposta.

Veniamo ora alle ultime notizie dal Connecticut. Non sono confortanti. Il 26 settembre scorso, nel processo contro Michael Castillo, accusato di aver guidato l'omicida Jose Guzman (reo confesso) al garage del triplice omicidio (il cui mandante, secondo l'accusa, sarebbe Benedetto Cipriani), il pubblico ministero ha presentato alcuni dei presunti legami tra il nostro connazionale e la strage di Windsor Locks.

Un inciso qui per capire. Secondo l'accusa: Benedetto Cipriani sarebbe stato il mandante dell'omicidio di Bobby Stears (marito di Shelly, con la quale aveva una relazione), Michael Castillo (attualmente sotto processo) avrebbe guidato la propria auto Nissan Pathfinder con a bordo Jose Guzman sul luogo dell'omicidio, Erik Martinez ha confessato di aver procurato l'arma usata per i delitti, Jose Guzman ha confessato di aver sparato, uccidendo Stears, il suo socio d'affari Barry Rossi e l'impiegato Lorne Stevens, nonchè di aver ricevuto alcune migliaia di dollari da Cipriani.

Dalle prime testimonianze nel processo a Michael Castillo è emerso che l'auto rossa di Cipriani con le targhe di New York sarebbe stata vista sul luogo dei delitti, circa due settimane prima del fatto, da un negoziante del posto, un certo Cristopher Sinigalli. Questi ha dichiarato di aver parlato in quell'occasione al conducente dell'autovettura e oggi ricorda avesse "un accento italiano o greco". In seguito Sinigalli avrebbe pure riconosciuto Cipriani che, quattro giorni dopo gli omicidi, è volato in Italia. Tra le telefonate fatte da Ben Cipriani il giorno degli omicidi ci sarebbe una chiamata all'indirizzo di Erik Martinez (che ha già confessato il suo coinvolgimento), ma c'è da sottolineare, in proposito, che Cipriani aveva frequentato la madre di Martinez. Ci sarebbero poi due chiamate a Michael Castillo, l'autista, una alle 16.57 - circa un quarto d'ora prima degli omicidi, mentre Castillo si trovava a circa 1.6 miglia dal luogo dei delitti - e una alle 17.38. Le indagini si erano pressochè arenate quando - nel dicembre 2003 - fu un certo Jose Velasquez, zio di Martinez, che dopo una retata per motivi di droga, riferì alla polizia (di New Britain) di avere informazioni sul triplice delitto di Windsor Locks. Velasquez avrebbe precisato di aver condotto il nipote, Erik Martinez e Jose Guzman ad un centro commerciale per incontrare qualcuno che aveva consegnato loro molti soldi. Velasquez avrebbe poi raccolto le confidenze degli stessi Martinez e Guzman sul loro coinvolgimento nel piano omicida.

Un colpo di scena, il 1° ottobre 2007, nello stesso processo contro Michael Castillo davanti alla Corte Superiore di Hartford. Jose Guzman - che ha confessato gli omicidi e ha concordato con l'accusa una pena (a due ergastoli) diversa dalla pena di morte, con la promessa di testimoniare contro gli altri coimputati, ha viceversa rifiutato di testimoniare mettendo in pericolo l'accordo con la pubblica accusa.
___________________________________
Per approfondire
http://www.newsitaliapress.it/FilePub/646008023BENNY%20DECRETO.pdf
http://pipistro.blogspot.com/2007/09/benedetto-cipriani-negli-usa-senza.html
http://pipistro.blogspot.com/2007/08/una-richiesta-di-aiuto-da-benedetto.html
http://pipistro.blogspot.com/2007/07/caso-cipriani-il-diritto-e-il-rovescio.html
http://pipistro.blogspot.com/2007/07/benedetto-cipriani-costruzioni-o.html
http://pipistro.blogspot.com/2007/07/benedetto-cipriani-processo-allo.html
http://www.courant.com/news/local/hc-castillo0926.artsep26,0,4555490.story
http://www.newsitaliapress.it/interna.asp?sez=265&info=139516
http://www.wtnh.com/Global/story.asp?S=7156152&nav=3YeX

Monday, October 01, 2007

Stupefazione

Il 29 gennaio 2007, il Prof. Bernard Lewis, rinomato studioso del Medio Oriente e dell'islamismo, affermava dalle pagine del Jerusalem Post che l'Islam potrebbe essere presto la forza prevalente in Europa, giacchè il vecchio continente, nel nome del politicamente corretto, ha rinunciato alla battaglia per il controllo sulla cultura e sulla religione. Precisava il vegliardo che la filosofia della "mutua distruzione assicurata" (MAD, Mutual Assured Destruction), che ha impedito alla ex Unione Sovietica e agli USA di utilizzare le armi nucleari, reciprocamente gli uni agli altri puntate, non si applicherebbe al presidente iraniano Ahmadinejad. Esibendosi quindi nei consueti presagi di sciagura il novantunenne Lewis affermava lapidariamente che "per lui [Ahmadinejad] la reciproca distruzione non è un deterrente, bensì un incentivo ...Sappiamo già che a loro [l'iran, diretto dagli ayatollah] non importa nulla uccidere a masse la loro stessa gente. Lo abbiamo visto di continuo. Se ne uccidono un gran numero, stanno facendo loro un favore, dandogli un veloce e gratuito lasciapassare per il paradiso". "Trovo tutto questo molto allarmante", concludeva Lewis. Noi, viceversa, troviamo molto allarmanti le sue parole e stupefacente il fatto che ancora qualcuno gli conceda la carta, i kbyte e le pozioni ricostituenti per elaborare e diffondere le sue idee. Naturalmente le parole dell'ottuagenario, eminenza grigia dei neocon USA, filo israeliano e propugnatore dello scontro di civiltà, si commentano da sole, così come risulta ad una media sensibilità stupefacente e senza giustificazione l'apologia della lotta per il controllo della cultura e della religione. Ma il suo messaggio apocalittico, lanciato sul maggior quotidiano israeliano in gennaio, trova purtroppo riscontro nella fragilità popolare, se è vero che - come riferisce oggi Ha'aretz - secondo un sondaggio canadese il 72% degli israeliani sostiene l'uso delle armi nucleari in specifiche circostanze. Ovvio che quest'ultima precisazione ("specifiche circostanze"), tuttavia, non è in nulla tranquillizzante. Da un lato perchè, se mancasse, vorrebbe dire che le armi nucleari possono essere utilizzate sempre e comunque, a puro libito del capo di stato maggiore, ministro o generale di turno, dall'altro perchè approssimativamente metà dei sostenitori israeliani della bomba atomica, secondo lo stesso sondaggio, ne auspicano l'uso in funzione preventiva e l'altra metà non fa distinzioni, giustificandone l'utilizzo, genericamente, in caso di guerra. In questa situazione e fermo restando che l'Iran ha reiteratamente affermato di non considerare praticabile la deriva nucleare, se i dirigenti della Repubblica Islamica cercassero un buon motivo per munirsi di un deterrente, al fine di equilibrare le posizioni nell'area del Medio Oriente, esso sarebbe già bell'e pronto, fornito dagli sproloqui senili di Lewis - peraltro non da solo - e dalle applicazioni concrete che l'insipienza suicida del guerrafondaio medio, nello Stato ebraico, deriva dal suo verbo malato.